BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FESTA DI COMPLEANNO/ Chi sono per giudicare la mamma che ha chiesto il rimborso?

Davvero bisogna scandalizzarsi per la mamma che ha chiesto il rimborso per la mancata partecipazioen a una festa di compleanno? MARCELLA MANGHI affronta il caos in questione

Immagine di archivioImmagine di archivio

Madri – come me - sempre di ronda tra ludoteche e giardinetti per compleanni da onorare, mettiamoci sull’attenti. In Inghilterra, i genitori di un bambino di 5 anni hanno ricevuto una fattura di 15.95 sterline, circa 20 euro, per non aver mandato loro figlio alla festa di compleanno di un suo amichetto di scuola (senza avvisare della mancata partecipazione). La madre del festeggiato ha pensato bene di farsi risarcire la spesa – comunque sostenuta – per aver pagato un’entrata in più al centro ricreativo invernale dove si è tenuta la festa. Capperi, ho pensato: fortuna che si trattava di una festicciola d’asilo; e quando il pargolo sarà grande, cosa mai faranno quei genitori? Se resti bloccata a casa per una colite il giorno prima del matrimonio del figlio, rischi che ti mandino la fattura del fiorista.
Quello della pista da pattinaggio è stato comunque uno scivolone imperdonabile che sta costando loro un botto di critiche: ora è il popolo del web a far la festa a questi genitori, che di certo non eccellono di savoir-faire. Ignota la vera ragione di tanta arroganza: una vendetta per non aver avvisato la mancata partecipazione? Giustizia per aver sborsato una cifra senza ricevere il corrispettivo del regalo? Di sicuro, il gesto di cattivo gusto ha fatto notizia, tanto che per un attimo ho sbottato un borioso ‘Dopotutto, se la son cercata’.
Stavo liquidando così la notizia, quando ho voluto buttare l’occhio sull’articolo originale in lingua inglese e qui c’è stata la vera sorpresa: la bellezza di più di mille-cinquecento commenti. Mi sono limitata a scorrere i primi cinquanta: un campionario di critiche furibonde che alternavano sdegno, condanna e disgusto per l’avida madre. Ma qui mi son fermata. Di fronte a tanta pioggia di giudizi, mi son bloccata per ripensare all’ultima festa che ho organizzato per il mio figlio neo-novenne.
Il giorno prima ho speso due ore a stendere un rompicatissimo crucipuzzle, un’altra ora abbondante per il “quizzone di quarta”, per non parlare della tombola dei supereroi… E cos’ha fatto quella piccola banda di sciagurati appena entrata in casa? Si è avventata sul primo pallonaccio sgualcito e non c’è stato verso di arginarla. Il pomeriggio s’è consumato tra affondi e rigori. Al secondo pericoloso tentativo di rompere lo specchio dell’anticamera, li avrei afferrati per la giugulare e inchiodati attorno il tavolo, a trangugiare centrifugati di frutta e spremere le meningi. Sì, perché ho fatto anche io i miei conti: ho speso più di quattro ore di tempo per organizzare giochi d’ingegno al costo di una baby-sitter - ma che dico baby-sitter - di una intrattenitrice pluri-referenziata, di una stratega del gioco… Se dividiamo l’onorario che mi sarebbe spettato per sei marmocchi invitati, ciascuno di loro avrebbe dovuto pagar pegno prima di andarsene! Certo, io ho lasciato perdere, ma la tentazione di gridare a chiunque il mio impegno-non-valorizzato c’era tutta.