BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELENA CESTE/ News, le avances di Michele Buoninconti alla giornalista: poi l'incontro a casa

Prima di essere arrestato per l’omicidio della moglie Elena Ceste, Michele Buoninconti tentò di avvicinare una giornalista del settimanale Giallo di cui si era invaghito. 

Elena Ceste Elena Ceste

Prima di essere arrestato per l’omicidio della moglie Elena Ceste, Michele Buoninconti tentò di avvicinare una giornalista del settimanale Giallo di cui si era invaghito. "Da qualche tempo aveva iniziato a mandarmi messaggini molto ambigui tentando più volte un approccio con me", scrive la donna proprio sulle pagine di Giallo. "Ciao sei bellissima", le scriveva Michele anche a tarda ora. Poi un giorno la invitò a casa in occasione del compleanno del figlio: "Domani facciamo una festicciola in casa. Vuoi venire anche tu?". Lei accettò e si presentò a casa sua. Entrando in cucina, "dove Elena trascorreva buona parte della sua giornata", la giornalista aprì il frigorifero: "Mi ritrovai di fronte a un’immagine terribile: all’interno, appese una di fianco all’altra, c’erano delle galline già spennate". Poi, durante il pranzo, "Michele non mancò di mettere tutti in imbarazzo - prosegue il racconto della giornalista - A un certo punto mi chiese di che segno zodiacale fossi. Scorpione dissi. E lui, pensando di fare una battuta: avete sentito bambini? Proprio come la mamma!". Alla fine del pranzo la giornalista gli chiese se avesse bisogno di aiuto "e lui non esitò a rispondermi sì. Puoi lavare i piatti mi disse mostrandomi il lavandino". Poi la giornalista di Giallo conclude: "Durante quella giornata riuscii a vedere tutte le stanze di casa Buoninconti. Un particolare mi colpì molto: non c’era nemmeno una foto di Elena".

© Riproduzione Riservata.