BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Il 3 febbraio si celebra San Biagio

Pubblicazione:martedì 3 febbraio 2015

foto: Infophoto foto: Infophoto

Per perpetuare il rito della benedizione della gola, durante la funzione liturgica, il sacerdote, è solito poggiare alla gola dei fedeli due candele incrociate (in passato, però, si utilizzava l'olio benedetto) ed invocare l'intercessione del medico-vescovo. La formula, recita: "Per intercessione di San Biagio, Vescovo e Martire, Dio ti liberi dal mal di gola e da ogni altro male. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen". Il culto di San Biagio non è legato solo al rito della benedizione della gola. Tante le tradizioni legate alla sua memoria. A Milano, dove il culto del santo è particolarmente vivo, si usa riunirsi a tavola con la famiglia e mangiare parte del panettone natalizio conservato appositamente. In questo modo, onorando il detto meneghino "San Bias el benediss la gola e el nas", ci si vuole proteggere da mal di gola e raffreddore. Culto dei santi e gastronomia si intrecciano anche a Lanzara, centro del Cilento, dove è consuetudine mangiare la tradizionale "Polpetta di San Biagio" (protagonista, tra l'altro della "Sagra della Polpetta", una delle più famose ed antiche dell'Agro Nocerino Sarnese). A Cannara, in provincia di Perugia, invece, si festeggia San Biagio con una serie di giochi popolari di abilità. Tra questi, il più avvincente è quello conosciuto con il nome di "Ruzzolone". La gara in questione consiste nel "far rotolare le forme di formaggio per le vie del centro". A Salemi (Trapani), dove San Biagio è co-patrono insieme a San Nicola, il 3 febbraio si svolge il tradizionale "Corteo Storico Rievocativo del Miracolo di San Biagio", un'originale sfilata allegorica che si snoda per le vie del centro storico e "rievoca la liberazione di Salemi dall'invasione delle cavallette ad opera di San Biagio". I fedeli, per l'occasione, oltre a rendere omaggio al Santo nella chiesa del quartiere del Rabato, sono soliti preparare dei pani votivi con della pasta non lievitata.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.