BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Veneti popolo di ubriaconi? Meglio Lino Toffolo di Oliviero Toscani

Oliviero Toscani (Infophoto)Oliviero Toscani (Infophoto)

Dalla cornetta nessuno era in grado di percepire con l'olfatto il tasso alcolemico di chicchessia, e così quella risposta la riportai nell'intervista. Non ricordo che l'allora capo della Cgil Sergio Cofferati si fosse dato pensiero di replicargli o di chiedergli pubblica ammenda di fronte al popolo italiano lavoratore: lo ignorò, e morta lì. Almeno una cosa giusta il Cinese la fece anche lui, via.

Nel tritacarne mediatico di oggi, e con la velocità dei botta e risposta consentiti dai social, non si sa più ignorare nessuna bischerata dei furbacchioni. Insomma: si cazzeggia e si spara a cavolo per non annoiare, poi si puntualizza sulla sparata o sulla cazzeggiata come se fosse una cosa seria. 

Anni fa ero direttore di Lombardia Notizie, agenzia di informazioni regionali. Un bravo segretario di redazione di lungo corso un mattino sul presto mandò in rete un lancio di prova tecnico, con un testo che era tipico delle prove delle vecchie telescriventi in cui era cresciuto. Al tempo delle telescriventi non c'era la Lega. Il testo era: "E la bandiera dei tre colori è sempre stata la più bella, trullallà, noi vogliamo sempre quella, noi vogliamo la libertà".  Fui accusato da alcuni esponenti di aver imposto all'agenzia una linea nazionalista e antifederalista. Cosa avrei dovuto puntualizzare?

Luca Zaia è uomo e politico di statura infinitamente superiore a quegli accusatori. E' un buon governatore, come è stato un buon ministro dell'Agricoltura. Io, se posso permettermi, non avrei dato peso a Toscani, ma al grandissimo veneziano Lino Toffolo, inarrivabile autorità in tema di rapporti tra lingua veneta e succo d'uva. Tant'è che la sua ironica macchietta del venesian embriago era nel contempo, grazie al fondo buono del suo umorismo e del suo garbo, una umanissima e simpatica icona dell'uomo veneto.

Appena tre settimane fa, sempre alla Zanzara (9 gennaio), Toscani ha distillato profondi giudizi storici tipo: "Le religioni sono tutte uguali, hanno sempre prodotto disastri e carneficine. La Shoah l'ha pensata un cattolico. E' imbarazzante essere cattolico, io sono ateo, non ho nessun Dio dalla mia parte. Se pensi di avere Dio dalla tua parte fai delle cazzate".

Ma, dico io, anche se non lo pensi. 

© Riproduzione Riservata.