BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LAURA INGALLS WILDER / Google omaggia la scrittrice famosa per "La piccola casa nella prateria"

In occasione del 148esimo anniversario della nascita, Google rende omaggio a Laura Ingalls Wilder, scrittrice statunitense nota soprattutto per aver creato "La piccola casa nella prateria"

Il doodle di Google Il doodle di Google

LAURA INGALLS WILDER, L'OMAGGIO DI GOOGLE ALLA SCRITTRICE AMERICANA - In occasione del 148esimo anniversario della nascita, Google rende oggi omaggio a Laura Ingalls Wilder, scrittrice statunitense nota soprattutto per aver creato la serie per ragazzi "Little House on the Prairie" (La piccola casa nella prateria). Big G esce dunque con un nuovo doodle che però non sarà visibile in Italia: lo vedranno gli utenti negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in alcune nazioni europee tra cui Spagna e Inghilterra. La scrittrice è nata il 7 febbraio 1867 nella Contea di Pepin, nello stato del Wisconsin, e molti dettagli della sua vita sono riportati nella serie "Little House", i cui racconti sono parzialmente autobiografici. Iniziò da giovane a pubblicare articoli sui giornali locali, fino al successo raggiunto proprio con serie di libri de “La piccola casa nella prateria” per i quali vinse più volte il Newbery Honor e dai quali venne tratta la celebre serie televisiva con Michael Landon. Nei giorni scorsi si è tornati a parlare molto di lei per l’uscita nelle librerie americane di un’autobiografia inedita a cura di Pamela Smith Hill pubblicata dal Sud Dakota Historical Society Press. Il volume è però destinato a un pubblico adulto: secondo i media locali, infatti, l’autrice riporta dettagli della sua vita trascorsa in una famiglia di pionieri che comprendono abusi domestici e triangoli amorosi. Nonostante ciò, a sorpresa il libro sta riscuotendo un notevole successo: "Sono sorpresa e felice che il lavoro di Laura Ingalls Wilder abbia ancora una risonanza del genere tra i lettori”, ha detto la direttrice del Research and Publishing for the South Dakota State Historical Society.

© Riproduzione Riservata.