BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FAMIGLIA/ Caffarra (arcivescovo Bologna): togliamo dagli occhi "la cataratta delle ideologie"

Ha preso il via oggi il convegno "Matrimonio e famiglia. La questione antropologica e l’evangelizzazione della famiglia". Ha aperto i lavori Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna

fonte ©UnivSantaCrocefonte ©UnivSantaCroce

Dobbiamo riscoprire la bellezza del matrimonio e della famiglia, togliendo dagli occhi "la cataratta delle ideologie" che impedisce di vedere la realtà. Lo ha detto oggi il cardinale Arcivescovo di Bologna, Carlo Caffarra, aprendo i lavori del convegno "Matrimonio e famiglia. La questione antropologica e l'evangelizzazione della famiglia", organizzato dalla Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce. Secondo Caffarra è dunque necessario superare i tentativi di "colonizzazione ideologica" della famiglia, come sono stati definiti da Papa Francesco, e riprendere qulla "teologia del corpo e della sessualità" presente nel magistero di San Giovanni Paolo II, in modo da generare un nuovo impegno educativo in tutta la Chiesa. In questo modo è possibile riscoprire il "Vangelo della famiglia", come si propone di fare il Sinodo dei Vescovi di ottobre. La famiglia, ha sottolineato durante il convegno la professoressa Carla Rossi-Espagnet, non è un mondo isolato dal resto della vita: c’è bisogno di umanizzare tutti gli ambiti dell’esistenza, tra cui il lavoro e l’economia. Sulla stessa linea il commento del professore irlandese Paul O’Callaghan, secondo cui c'è bisogno di ripensare il "diritto di famiglia", togliendo quella "artificiosità" introdotta nelle diverse legislazioni degli Stati, che in questo modo finiscono per "determinare" la realtà. "Lo Stato, e con esso gli altri organismi governativi - ha detto - semplicemente non sono in grado di gestire l'amore. Solo la famiglia lo può fare, e perciò merita l'appoggio dello Stato".

© Riproduzione Riservata.