BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MORTE MARIO DE NUZZO/ Parla il fratello Antonio: ecco come me lo stanno uccidendo ancora (esclusiva)

Mario De Nuzzo Mario De Nuzzo

Bene o male hanno capito. Mio figlio in particolare ha percepito il problema e infatti a gennaio ha avuto un piccolo calo a scuola. Le maestre non capivano perché avesse quei problemi, poi quando hanno visto la mia intervista in tv si sono spiegate il perché di quel calo d'attenzione di mio figlio.

 

Suo padre come sta vivendo questa situazione?

Mio padre, poverino, è una persona anziana e non è facile alla sua età ritrovarsi in mezzo a queste cose legali, soprattutto dopo aver perso un figlio. Faccio del mio meglio per tenerlo fuori da queste problematiche, anche perché è cardiopatico e non so quanto possa sostenere tutto questo stress.

 

Lo stress che invece sta provando lei gestendo questo problema si ripercuote anche sul suo lavoro?

Mia moglie mi dà una mano ma in effetti sto iniziando ad affaticarmi. Fortunatamente ho dei colleghi stupendi che mi aiutano. Non sono al 100% ma potendo contare su di loro riesco a stare più o meno tranquillo.

 

Ha ricevuto tanti messaggi di sostegno negli ultimi mesi?

Sì, anche gli amici del paese sono con me e hanno deciso di organizzare una raccolta firme per sostenermi.

 

Quale sarà il suo appello al Commissario Prefettizio Cicoria?

Gli chiederò di non rovinare una seconda volta la mia vita. Ho paura che non ci siano molte possibilità concrete di aggiustare questa situazione ma le sto provando tutte, anche se non so quanto potere abbia effettivamente lui come Commissario per intervenire in questo senso.

 

(Linda Irico)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/03/2015 - Morte di Mario Nuzzo (rosaria chiollo)

Trovo quanto meno sorprendente che i giudici della cassazione non abbiano tenuto conto che l'omicidio è stato commesso con l'arma di ordinanza di proprietà del Comune e che il comune è responsabile per aver armato la mano di uno squilibrato criminale, perchè da quello che emerge dal racconto dei fatti riportato nell'articolo, il vigile urbano omicida ha un profilo psichiatrico fortemente instabile e criminale ed il Comune è responsabile per aver assunto nel corpo dei Vigili Urbani un simile individuo e per averlo armato. Quindi è giusto che la famiglia venga risarcita in prima istanza dal Comune stesso. Il Commissario Prefettizio invece avrebbe dovuto rivalersi su chi ha disposto l'assunzione di una persona con un profilo psichico incompatibile con il ruolo che sarebbe dovuto andare svolgere creando un danno incalcolabile al Comune e a tutta la cittadinanza di Oria.