BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ISIS IN ITALIA/ Gli studenti di terza media: "Se arriva ci convertiamo subito"

Mohammed Emwazi, uno dei tanti boia dello stato islamico (Immagine dal web)Mohammed Emwazi, uno dei tanti boia dello stato islamico (Immagine dal web)

A questo, che è un fatto, possono rispondere solo i teologi e le guide religiose del mondo islamico, ma non si deve sottovalutare l'evidenza che l'islam moderato sta perdendo migliaia e migliaia dei suoi giovani; quella fede che tanti personaggi, ad esempio Obama (il quale non risulta però essere un esperto di islamistica, come tanti altri che ne parlano forse senza ragion veduta), considerano una "religione di pace" sta radicalizzandosi verso forme estreme, violente, razziste: chi non è come noi va sterminato, affermano con nonchalance poco tempo fa impensabile. Una religione dunque che, nell'impatto con la modernità, sembra sbriciolarsi in mille rivoli: è ancora la cronaca a dirci delle profonde e violente divisioni perfino tribali che sussistono tra musulmani, i quali non esitano a scannarsi neppure fra loro.

PS: i due ragazzi della classe succitata che resisterebbero ad ogni intimidazione e obbligo alla conversione hanno una famiglia in cui la fede cristiana è vissuta in modo semplice e quotidiano, ai quali i genitori hanno testimoniato la presenza reale e buona di un grande Amico, che loro hanno liberamente accettato e al quale non rinuncerebbero perfino "di fronte alla morte".

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/03/2015 - Ricominciamo da 2 (Claudio Alberti)

Due su 25 è il 4%. Ricominciamo da qui.

 
16/03/2015 - Almeno non mentono... (claudia mazzola)

Ricordate Simon Pietro cosa ha fatto?

 
16/03/2015 - commento (francesco taddei)

con tutto il buonismo mieloso dei democratici, dei vescovi cardinali e papi non poteva che essere così.