BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA FRANCESCO/ Udienza generale: una società senza bambini è triste e grigia

Pubblicazione:mercoledì 18 marzo 2015

Papa Francesco (InfoPhoto) Papa Francesco (InfoPhoto)

I bambini sono "un grande dono per l’umanità, ma sono anche i grandi esclusi perché neppure li lasciano nascere". Lo ha detto oggi Papa Francesco all'udienza generale in Piazza San Pietro. Da come sono trattati i bambini, ha spiegato il Santo Padre, "si può giudicare la società, ma non solo moralmente, anche sociologicamente, se è una società libera o una società schiava di interessi internazionali". I bambini ci insegnano e ci ricordano tante cose: ci ricordano innanzitutto "che siamo sempre figli - ha aggiunto il Pontefice, le cui parole sono riportate da Radio Vaticana - Anche se uno diventa adulto, o anziano, anche se diventa genitore, se occupa un posto di responsabilità, al di sotto di tutto questo rimane l’identità di figlio. Tutti siamo figli. E questo ci riporta sempre al fatto che la vita non ce la siamo data noi ma l’abbiamo ricevuta". Il grande dono della vita è quindi "il primo regalo che abbiamo ricevuto. A volte rischiamo di vivere dimenticandoci di questo, come se fossimo noi i padroni della nostra esistenza, e invece siamo radicalmente dipendenti". Ma i più piccoli portano anche "il loro modo di vedere la realtà, con uno sguardo fiducioso e puro. Il bambino ha una spontanea fiducia nel papà e nella mamma; ha una spontanea fiducia in Dio, in Gesù, nella Madonna". Allo stesso tempo, "il suo sguardo interiore è puro, non ancora inquinato dalla malizia, dalle doppiezze, dalle 'incrostazioni' della vita che induriscono il cuore. Sappiamo che anche i bambini hanno il peccato originale, che hanno i loro egoismi, ma conservano una purezza, e una semplicità interiore", ha detto Papa Francesco che poi ha concluso: "Cari fratelli e sorelle, i bambini portano vita, allegria, speranza, anche guai. Ma, la vita è così. Certamente portano anche preoccupazioni e a volte tanti problemi; ma è meglio una società con queste preoccupazioni e questi problemi, che una società triste e grigia perché è rimasta senza bambini! E quando vediamo che il livello di nascita di una società arriva appena all’uno percento, possiamo dire che questa società è triste, è grigia perché è rimasta senza bambini".



© Riproduzione Riservata.