BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

Festa del Papà / Le origini e le tradizioni della ricorrenza: l'omaggio di Google (19 marzo 2015)

Il 19 marzo si celebra la Festa del Papà, una ricorrenza presente in tutto il mondo. Il giorno può cambiare in base al Paese, ma il significato è lo stesso: ecco le origini e la tradizione

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza. Il logo di Google - Oggi Google dedica il suo doodle alla Festa del Papà. Si tratta di un simpatico logo animato di colore verde che mostra l’amore paterno sia degli uomini sia degli animali. Infatti cliccandoci sopra compaiono coppie di padre e figlio in ogni specie: pinguini, lupi, umani e scimmie, che giocano insieme. Il doodle è visibile sulla pagina di ricerca principale del motore di ricerca in Italia, Spagna, Croazia, Bolivia, Honduras e Mozambico. Il logo mostra prima un pinguino mentre cura un uovo, poi una volpe che gioca con il suo piccolo, una scimmia con tre cuccioli e per completare un uomo con la figlioletta sulle spalle. Una ricorrenza nata nel XX secolo e che viene celebrata in varie date in tutto il mondo.

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza. Come si festeggia nel resto del mondo - In Russia, come in altri paesi, la Festa del Papà è associata al ruolo nazionale dei padri visti, ad esempio, come difensori della patria. Questo accade anche in Thailandia dove la data scelta corrisponde al compleanno di Rama IX, l'attuale sovrano considerato padre della nazione. In Danimarca, i papà si festeggiano il 5 giugno, il giorno che viene dedicato alla costituzione. La Germania fa corrispondere i festeggiamenti al giorno dell'Assunzione, il giorno in cui Gesù ascese al cielo, quaranta giorni dopo la sua resurrezione. La corea del sud non festeggia il papà in modo specifico, ma ha un giorno dedicato a entrambi i genitori, che è l'8 maggio. La Romania festeggia invece i papà il 5 maggio.

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza. Come si festeggia nel mondo? - Le tradizioni legate alla Festa del Papà possono essere molto diverse, a seconda del Paese a cui si fa riferimento. Diverse possono essere le origini e le date, ma anche i cibi preparati, i riti, i doni e i modi di festeggiare. In genere è usanza fare un regalo al proprio papà nel giorno a lui dedicato, anche gli omaggi possono essere molto diversi e più o meno tradizionali, a seconda della parte del mondo a cui si presta attenzione. In Francia, i bambini omaggiano il genitore regalandogli una rosa rossa; una rosa bianca è invece dedicata a quei papà che purtroppo non sono più in vita, se non nel cuore dei propri figli. In Inghilterra, si ha una sorta di festa di San Valentino dedicata ai padri, i quali sono celebrati con i tipici regali degli innamorati, come cioccolatini, fiori e dolci. In Italia, il regalo da donare al papà può essere di diverso tipo, spesso nelle scuole si preparano bigliettini o piccole sorprese fai da te, con l'aiuto dell'insegnante, per portare a casa un oggetto realizzato con le proprie mani e dedicato al proprio papà. In America del sud è tradizione accendere dei falò in diverse parti della città e i padri sono sfidati a saltarli con un solo balzo. Molto particolare è anche la tradizione tedesca, In alcune parti della Germania, infatti, i papà vengono fatti salire su dei carri che vengono condotti per le strade della città, trainati da buoi.

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza. I dolci tipici - Sono tanti i dolci tipici che solitamente si preparano per la Festa del Papà. A seconda della zona, si possono avere diverse pietanze dedicate a questa ricorrenza: in genere si tratta di preparazioni realizzate con un impasto simile a quello dei krapfen o bignè, con ripieno di marmellata o crema. Uno dei dolci più noti è la zeppola di San Giuseppe, di origine napoletana. Secondo quanto racconta la tradizione, in seguito alla fuga in Egitto con Gesù e Maria, al fine di poter mantenere la famiglia, San Giuseppe cominciò a lavorare preparando e vendendo frittelle. Si preparano con un impasto tipo bignè, la forma è schiacciata e possono essere cotte al forno o fritte. Solitamente sono farcite con crema pasticcera e marmellata di amarene. Nelle regioni del nord il dolce associato alla festa è la raviola, un involucro di piccole dimensioni realizzato con pasta frolla e ripieno di crema, marmellata o altro; può essere sia cotta al forno sia fritta. Nel centro Italia, soprattutto in Umbria, Lazio e Toscana, si cucina tipicamente un dolce fritto, che si prepara adoperando come base del riso cotto nel latte. A questo si aggiungono canditi o uva passa, a piacere. A base di riso sono anche i dolci preparati in Sicilia: crespelle o zeppole di riso.

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza - La data della Festa del Papà varia a seconda dei diversi Paesi: in quelli che seguono la tradizione americana, la ricorrenza è celebrata la terza domenica di giugno, mentre in molti Paesi a tradizione cattolica, come l'Italia, la festa corrisponde al giorno dedicato a San Giuseppe, il 19 marzo. In Italia si festeggia proprio in questa data, a partire dal 1968; all'epoca si trattava di una vera e propria festa nazionale. Oggi il 19 marzo è un giorno lavorativo come tutti gli altri, anche se continua ad essere la giornata speciale, in cui dedicare un pensiero al proprio padre. La data del 19 marzo, proveniente dalla cultura cattolica, che festeggia San Giuseppe, padre putativo di Gesù, si rifà all'archetipo del marito e del padre devoto. Il concetto è ampliato e esteso alla protezione degli orfani, dei più sfortunati e delle nubili. È da questa interpretazione che deriva la tradizione siciliana di invitare a pranzo i poveri. In altre regioni del Paese, la festa è associata alla fine dell'inverno e si eseguono riti propiziatori, come il bruciare quanto è rimasto incolto sui campi destinati a lavorazione, o l'accendere dei falò in piazza, come da tradizione contadina, per celebrare il finire dell'inverno con un'esortazione ad una ricca nuova stagione.

Festa del Papà, 19 marzo 2015: le origini e la tradizione della ricorrenza - Il 19 marzo si celebra la Festa del Papà, una ricorrenza presente in quasi tutto il mondo. Il giorno può cambiare in base al Paese, ma il significato è sempre lo stesso: rendere omaggio a tutti i papà nel giorno a loro dedicato. In Italia si festeggia il 19 marzo, mentre in molte nazioni è stabilita per la terza domenica del mese di giugno. La Festa del Papà nasce come festa complementare a quella della mamma, per festeggiare la figura del padre e la paternità in generale. I primi festeggiamenti documentati risalgono al 1908 in Virginia dell'Est, a Fairmont. L'ufficializzazione vera e propria risale al 19 giugno 1910, grazie ad una signora di nome Sonora Smart Dodd, che sollecitò l'istituzione di questa ricorrenza in onore del padre, che aveva combattuto nella guerra di secessione. La data fu scelta perché corrispondeva al giorno di nascita del genitore. La signora Dodd trasse ispirazione da un sermone per la festa della mamma, ed ebbe l'idea di istituire una celebrazione analoga per il padre, pur non essendo a conoscenza dei festeggiamenti di Fairmont.

© Riproduzione Riservata.