BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AEREO CADUTO/ 1. Non riempiamoci la testa di risposte

Pubblicazione:mercoledì 25 marzo 2015

Un Airbus A320 della Germanwings (Immagine dal web) Un Airbus A320 della Germanwings (Immagine dal web)

Diventiamo adulti, dunque, ma senza esagerare. Non riempiamoci la testa di risposte. In fondo, la risposta che conta è una sola (chiunque può capire quale), perciò lasciamo che lo scandalo faccia il suo cammino, incazziamoci, teniamo aperta la ferita. La morte sottolinea l'incompiutezza della vita, la parzialità delle biografie, la precarietà delle chiavi di lettura. 

Teniamoci questo dolore, cerchiamo di non dimenticarlo troppo in fretta. Per un istante — dite la verità — questa tragedia ha reso disgustoso ai vostri occhi il gossip o la chiacchiera politica che vi piacevano (e che torneranno a piacervi). Vi siete detti: ma cosa sto guardando?, di che cosa sto parlando? Dite la verità: magari per un nanosecondo vi siete fatti un po' schifo, come è accaduto a me.

Be', tenetevi caro questo schifo. Non è una risposta definitiva nemmeno quello, ma vi sarà molto utile in tante occasioni. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
25/03/2015 - Vita eterna (claudia mazzola)

Ho visto mio papà morire, passo passo, ho la certezza piena che ha fatto una buona morte tra le braccia di Gesù e della Madonna perché l'ho visto coi miei occhi sereno ed in pace, lui che aveva una paura terribile di morire. Auguro alle vittime che abbiano avuto, per grazia di Dio, un barlume di speranza.

 
25/03/2015 - Ad ogni Vita è data anche una Fine (marco schiona)

Mi permetto di osservare che nella Vostra frase "...E' ingiusta perché noi esistiamo per vivere, non per morire...", in ogni testo Sacro anche la morte è molto spesso citata non come "fine" ovviamente ma come passaggio ad una Vita Eterna. Forse, troppo spesso, presi (come dice Leopardi) "...da quella irrefrenabile fiumana del progresso che travolge passione e sentimenti..." ci dimentichiamo che abbiamo anche una morte, un venire meno e si considera ciò solo per gli altri, se non quando a noi ci tocca da vicino. Giusto che l'Umano c'è per vivere, ma talune volte dovrebbe pensare che nulla è dovuto e niente dovrebbe dare per scontato, anche il quotidiano Dono meraviglioso che è la Vita. Ottimo comunque il vostro approfondimento. Saluti Marco Schiona