BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AEREO CADUTO/ 2. Il pilota: una tragedia "figlia" dell'11 settembre

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La normativa sovranazionale prescrive che il cockpit sia protetto da una porta blindata. Alcuni paesi e alcuni operatori possono essere più o meno restrittivi, ma posso dire, senza temere smentite, che anche le compagnie Usa prevedono che un pilota possa lasciare temporaneamente il cockpit, ed è facile immaginare il perché: si immagina un volo Usa-Europa di 5-6 ore, dunque non lunghissimo, senza la possibilità di assentarsi nemmeno per andare alla toilette?

In questo modo però si verifica esattamente la situazione del volo Germanwings.
La realtà è che un pilota deve sempre poter andare in cabina passeggeri e non solo. Ci sono situazioni che vanno esaminate di persona, in quanto potrebbero richiedere una valutazione tecnica. Ad esempio un rumore anomalo o altro.

Quindi?
Nel momento in cui uno di noi si assenta, la porta del cockpit deve sempre rimanere chiusa e bloccata. A questo punto diverse scelte sono possibili. Alcune compagnie prevedono che all'esterno del cockpit ci sia un assistente di volo, a mo' di protezione della porta, altre in aggiunta richiedono che non ci siano estranei nella zona antistante, altre ancora prevedono che un assistente di volo vada in cockpit per il tempo di assenza dell'altro pilota. 

In base alla sua esperienza, ci sono soluzioni migliori di altre?
Il problema è sempre il solito, oggi si fa ciò che è necessario contro ciò che è utile. L'incremento del numero di membri di equipaggio potrebbe essere una soluzione, altre soluzioni ce le possiamo inventare, senza per questo arrivare a dotare i voli di quattro piloti il che sarebbe ovviamente improponibile. 

In ogni caso, nel momento in cui Lubitz si è chiuso in cabina 150 persone di fatto erano spacciate.
Da quello che è stato detto in via ufficiale è evidente che il pilota rimasto in cockpit ha fatto in modo che l'altro pilota non rientrasse.

Non le dà i brividi il solo pensarlo?
Vede, siamo vittime di un nuovo effetto paradossale. Il primo è che l'11 settembre 2001 ha stravolto tutte le regole di sicurezza, e per paura dei dirottatori abbiamo fatto di tutto per impedire che un estraneo possa entrare nel cockpit. Il secondo è quello che abbiamo visto l'altro giorno. Abbiamo fatto così tanto per proteggere il cockpit da chi sta fuori, che non abbiamo fatto nulla per proteggerci dai folli o da persone come Lubitz, che stanno dentro.

Secondo lei ci sono procedure che possono metterci al riparo da casi come questo?
A livello tecnico no, perché se c'è una procedura e la volontà umana è sovra-ordinata alla procedura, decide l'uomo. Detto questo, non più tardi di cinque mesi fa ho fatto parte di una delegazione Anpac che è andata al ministero dei Trasporti per chiedere di ripristinare la struttura (Pag) che le ho detto.

E che cosa vi hanno risposto?
Abbiamo ricevuto risposte assolutamente aperte e costruttive. Però eliminare ogni rischio, in senso assoluto, è un'utopia, perché un infarto può venire anche alla persona più sana e che ha fatto l'elettrocardiogramma il giorno prima. Ora bisogna fare il possibile per evitare che altri Andreas Lubitz possano sedersi in cabina.

(Federico Ferraù)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.