BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SANTO DEL GIORNO/ Il 27 marzo si festeggia San Ruperto Vescovo

Il giorno 27 marzo viene ricordato e festeggiato San Ruperto, che nel corso della propria vita terrena si è dimostrato essere un uomo fedele al Signore. Vediamo la storia del santo. 

foto:Infophotofoto:Infophoto

Il giorno 27 marzo viene ricordato e festeggiato San Ruperto, che nel corso della propria vita terrena si è dimostrato essere un uomo fedele al Signore arrivando a coprire anche ruoli di una certa rilevanza nella chiesa dell’epoca, venendo nominato vescovo di Salisburgo. Secondo i documenti ecclesiastici e storici giunti fino a noi, San Ruperto dovrebbe essere un discendente della famiglia dei Rupetini ed ossia una nobile famiglia, quindi molto ricca e facoltosa, che nel corso del settimo ed ottavo secolo dopo la nascita di Nostro Signore Gesù Cristo, aveva praticamente il controllo di tutti i territori che venivano bagnati dal fiume Reno e per la precisione in quella zona geografica che viene indicata come medio ed alto Reno. San Ruperto in ragione del suo status sociale ebbe modo di avere una delle migliori educazioni possibili all’epoca anche se poi nonostante la nobiltà della propria famiglia, non si hanno praticamente notizie certe sul luogo di nascita e soprattutto sulla data della sua nascita. Tra le notizie certe relative all’infanzia ed all’adolescenza di San Ruperto c’è quella relativa alla sua educazione che avvenne nella città di Worms ed aveva un chiaro stampo religioso tuttavia con tendenza irlandese e per la precisione rivolta alla vita monastica che si soleva seguire in quell’epoca nei territori dell’odierna Irlanda. Questa formazione lo porta a seguire una vita consacrata al Signore con il chiaro obiettivo di portare avanti un’opera di evangelizzazione e predicazione in vari territori. In ragione di ciò una volta diventato un monaco, San Ruperto decise di andare in Baviera per proporre la propria opera di evangelizzazione riuscendo ad ottenere degli ottimi riscontri anche per quanto concerne i potenti dell’epoca che regnavano in tale zona. Conferma lo è il fatto che avendo ottenuto l’appoggio da parte del duca Teodone di Baviera, San Ruperto fece costruire nella zona una Chiesa che poi dedicò a San Pietro. La zona dove venne eretta la chiesa si trova per la precisione dove oggi c’è la città austriaca di Salisburgo. Oltre alla chiesa San Ruperto decise di far costruire un vero e proprio monastero che dedicò ancora a San Pietro. Un monastero che ebbe una certa importanza in quanto non solo è di fatto il più antico fatto costruire in tutta l’Austria ma fu anche preso come punto di base per far costruire quella che oggi è la città di Salisburgo, per cui San Ruperto viene anche un po’ considerato come il fondatore della città. Negli anni seguenti venne costruito un altro monastero che a differenza del primo era riservato alle donne. San Ruperto si spense nel monastero il 27 marzo 718 che era il giorno di Pasqua ed il suo corpo tutt’oggi si trova sepolto in quello che è l’attuale duomo di Salisburgo.

© Riproduzione Riservata.