BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIE DEL GUSTO/ Quello 'strano Brasile d’Italia' custodito da 100 anni nel Monferrato

Pubblicazione:venerdì 10 aprile 2015

Monferrato Monferrato

C’è un fazzoletto d’Italia, tanto bello, che non ci si spiega come sia riuscito a mantenersi tale e quale a com’era cent’anni fa. È il Monferrato. Oggi come ieri, colline dolci ingioiellate di vigne. Castelli imponenti che si stagliano contro il cielo. Santuari e abbazie che invitano al mistero. È una terra la cui anima, viva, solare, passionale, si riflette nel temperamento di chi ci vive, sorta di sudamericani del nord Italia. È Piemonte, ma non sembra Piemonte. Per quale motivo chi è nato e vive in questo angolo del bel paese abbia “sangue caliente”, non è dato saperlo. Fatto sta che a differenza di chi abita in provincia di Torino, Asti, Cuneo, i monferrini, piemontesi, sì, lo sono, e nel profondo, ma alla razionalità, alla capacità di ragionare in grande e all’abitudine alla fatica e al lavoro che distingue la gente di razza piemontese, uniscono anche un'insolita vena di contagiosa follia. Genio e sregolatezza, insomma? Certo. Il tutto, nel segno del gusto. Chè, qui, la gioia di vivere si accompagna sempre a cose buone, in primis alle grandi barbere che nascono in zona.

Occasione imperdibile per conoscere questo 'strano Brasile d’Italia' (la definizione è di Bruno Lauzi), Golosaria (www.golosaria.it), rassegna enogastronomica realizzata con il contributo di: Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Camera di Commercio di Alessandria, Regione Piemonte, Palazzo Mazzetti e Fondazione Crt, con il patrocinio di: Padiglione Italia Expo 2015, Comune di Alessandria, Comune di Casale Monferrato e Comune di Asti e con la partnership di MonferratoExpo 2015, con cui il Club di Papillon, il 18 e il 19 aprile farà vivere l’intero territorio. Cuore dell’evento, Casale Monferrato, la “capitale”, con il quartier generale della kermesse al Castello che ospiterà nelle sue sale gli stand dei 50 artigiani del gusto selezionati da ilGolosario2015 di Paolo Massobrio. Sabato 18, dopo l’inaugurazione delle ore 11.00, le sale superiori del maniero saranno aperte al pubblico con gli stand dei magnifici produttori, mentre Casale accoglierà i visitatori tra le sue vie barocche con il trekking urbano, per offrire un momento culturale alla scoperta dei monumenti e delle piazze più suggestive della città.Ma la cultura sarà protagonista anche ad Asti, il cui centro storico metterà in mostra per tutto il weekend numerosi punti di interesse artistico, partendo dalle visite ai palazzi medievali e passando per le maestose sale di Palazzo Mazzetti, sede dell’esposizione 'Alle origini del Gusto. Il cibo a Pompei e nell’Italia antica'.Spazio quindi ai castelli del XI secolo con le loro rievocazioni storiche: partendo da Camino e proseguendo per Castell’Alfero, Gabiano e Sannazzaro, ma anche Piea, con il suo ”giardino all’italiana” e la mostra di abiti d’epoca.


  PAG. SUCC. >