BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA/ Servire il bene comune anche con l'impegno nella politica

Le parole del papa oggi ai membri della Comunità di vita cristiana e quelli della Lega missionaria studenti, l'invito a rinnovare l'impegno anche nella politica per tutti i cristiani 

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Papa Francesco oggi ha incontrato i membri della Comunità di vita cristiana e quelli della Lega missionaria studenti di passaggio a Roma per il convegno nazionale dei due gruppi ispirati alla spiritualità di Sant'Ignazio che si aprirà a Frascati oggi e continuerà fino al 3 maggio. Titolo del convegno, Oltre i muri. Bergoglio in Argentina era stato assistente nazionale delle due associazioni che conosce molto bene entrambe, ha ricordato, le cui radici affondano nelle congregazioni Mariane. A loro il papa ha ricordato la necessitò di un impegno nella politica: “Oggi  vorrei offrirvi alcune linee per il vostro cammino spirituale e comunitario. La prima: l’impegno per diffondere la cultura della giustizia e della pace. Di fronte alla cultura della illegalità, della corruzione e dello scontro, voi siete chiamati a dedicarvi al bene comune, anche mediante quel servizio alle gente che si identifica nella politica. Essa, come affermava il beato Paolo VI, «è la forma più alta ed esigente della carità». Se i cristiani si disimpegnassero dall’impegno diretto nella politica, sarebbe tradire la missione dei fedeli laici, chiamati ad essere sale e luce nel mondo anche attraverso questa modalità di presenza”. Ha poi indicato nella pastorale familiare come dall'ultimo Sinodo dei vescovi l'impegno nelle comunità diocesane per la famiglia, cellula vitale della società. Infine un terzo punto: la missionarietà. "Vi incoraggio a mantenere questa capacità di uscire e di andare verso le frontiere dell’umanità più bisognosa. Oggi avete invitato delegazioni di membri delle vostre comunità presenti nei Paesi dei vostri gemellaggi, specie in Siria e Libano: popoli martoriati da terribili guerre; ad essi rinnovo il mio affetto e la mia solidarietà. Queste popolazioni stanno sperimentando l’ora della croce, pertanto facciamo sentire loro l’amore, la vicinanza e il sostegno di tutta la Chiesa. Il vostro legame solidale con esse, confermi la vostra vocazione a tessere ovunque ponti di pace”.

© Riproduzione Riservata.