BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Il Sabato Santo si festeggia Il 4 aprile

Pubblicazione:sabato 4 aprile 2015

foto:Infophoto foto:Infophoto

SANTO DEL GIORNO, IL 4 APRILE SI FESTEGGIA IL SABATO SANTO - Il 4 aprile la Chiesa Cattolica celebra il Sabato Santo. Questa ricorrenza è estremamente importante per la religione cristiana in quanto si commemora la discesa agli Inferi di Cristo, morto sulla croce alle tre pomeridiane del giorno anteriore. Il 'Triduo Pasquale' si compone di quattro momenti estremamente solenni, chiave del Cristianesimo. Il Giovedì Santo si commemora l'Ultima Cena e di conseguenza l'istituzione del rito dell'Eucarestia. Il Venerdì Santo si caratterizza per il ricordo della Passione, della crocifissione e della morte del Salvatore. Il Sabato Santo si ricorda la discesa agli inferi. La Domenica di Pasqua celebra la resurrezzione di Gesù Cristo. Proprio per la sua caratteristica di giornata intermedia tra la morte di Gesù e la sua risurrezione - avvenute rispettivamente il Venerdì e la Domenica - il Sabato Santo rappresenta una sorta di interludio in cui i cristiani si raccolgono in preghiera e in meditazione, riflettendo così sul sacrificio supremo fatto dal figlio di Dio per la salvezza dell'umanità. Il Sabato Santo si caratterizza in primo luogo per l'atmosfera di lutto e dell'attesa dell'annuncio di Cristo Risorto, che avviene durante la notte della Veglia Pasquale. Il Sabato Santo ha poi una particolarità unica: è l'unico giorno in cui non solo non viene officiata nessuna messa (come il Venerdì Santo) ma anche in cui il sacerdote non distribuisce la comunione ai fedeli. L'unica eccezione che il regolamento ecclesiastico concede è rappresentata dai casi in cui la comunione viene distribuita come viatico a malati gravi, moribondi, condannati a morte e soldati in procinto di una battaglia. Gli unici sacramenti che si possono amministrare durante il Sabato Santo sono la Penitenza e l'Unzione degli Infermi. Proprio per questa assenza di celebrazioni religiose, il Sabato Santo viene anche chiamato 'aliturgico' (dall'antico nome della Messa, chiamata in passato 'liturgia eucaristica'). Durante il Sabato Santo i tabernacoli di tutte le chiese rimangono spalancati, con le ostie benedette che vengono conservate generalmente nella sacrestia. Tuttavia, in particolare in certe chiese antiche, le ostie possono venir conservate in un apposito altare, detto 'della reposizione'. Gli altari, per commemorare l'unico giorno dell'anno in cui Cristo si assentò dalla Terra, sono spogli, privi di fiori e paramenti sacri. Le candele vengono spente e generalmente continua l'esposizione della Croce, adorata il Venerdì Santo. Per quel che riguarda le prescrizioni liturgiche, la Chiesa ritiene estremamente meritoria l'astinenza dalla carne e il digiuno anche durante il Sabato Santo; tuttavia questa pratica non è obbligatoria per i fedeli. Il Sabato Santo è un giorno dedicato alla solitudine e al ritiro spirituale: commemorando la Vergine Maria, che ha appena perso il figlio, anche i cristiani sono invitati alla meditazione e alla riflessione. In numerose località del pianeta - soprattutto quelle che sono state influenzate dalla cultura barocca spagnola - si realizzano solenni processioni durante il Sabato Santo, che ricordano ai fedeli la dolorosa permanenza di Cristo nel Santo Sepolcro.



© Riproduzione Riservata.