BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Mariella Cimò / Stasera a Quarto Grado il caso della donna scomparsa: le tappe della vicenda

Si parlerà anche di Mariella Cimò nella puntata di Quarto Grado in onda oggi. La donna, 72 anni, è scomparsa il 25 agosto 2011 dalla sua abitazione di San Gregorio di Catania

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

MARIELLA CIMÒ, STASERA A QUARTO GRADO IL CASO DELLA DONNA SCOMPARSA: LE TAPPE DELLA VICENDA - Si parlerà anche di Mariella Cimò nella nuova puntata di Quarto Grado in onda questa sera su Retequattro. La donna, 72 anni, è scomparsa il 25 agosto 2011 dalla sua abitazione di San Gregorio di Catania, piccolo centro della provincia di Catania. All’età di 32 anni si è sposata con Salvatore Di Grazia, uomo che all’epoca lavorava come informatore farmaceutico, professione poi abbandonata per prendere in gestione un autolavaggio. Proprio questa struttura, secondo gli inquirenti, potrebbe essere il motivo scatenante della vicenda.

Secondo una prima ricostruzione, la mattina del 25 agosto i due avrebbero avuto un acceso diverbio. La donna voleva la chiusura dell’autolavaggio, non solo per un motivo di natura economica ma anche e soprattutto perché sembra che Salvatore Di Grazia utilizzasse gli uffici dell’autolavaggio per avere degli incontri con altre donne. Salvatore era contrario alla richiesta della moglie e, in seguito al forte litigio, prende l’auto e lascia la villa per poi farvi ritorno intorno alle 20 della stessa sera. Rientrato a casa Salvatore si accorge immediatamente dell’assenza della moglie. Pensando a una sorta di ripicca da parte di Mariella, decide di non allarmarsi per cui non avverte nessuno della cosa: è questa la sua ricostruzione fornita agli inquirenti. Tuttavia, passati dieci giorni dalla scomparsa della moglie, ecco che Di Grazia si presenta presso le autorità competenti per sporgere denuncia.

Dalla villa dove abitavano i due coniugi sembrano mancare alcune cose: della biancheria intima della donna, la borsa che utilizzava di solito, i suoi documenti e circa 40 mila euro. Tuttavia nella vicenda incominciano ad emergere degli aspetti contrastanti: perché Mariella si è allontanata a piedi e per altro lasciando il cellulare a casa? Un primo colpo di scena avviene a ottobre, quando Salvatore Di Grazia viene iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere, ma gli inquirenti parlano di atto dovuto.

Successivamente Di Grazia viene arrestato: la sua posizione risulta complessa per via delle evidenti incongruenze nel suo racconto. L’uomo continua a proclamarsi innocente.

© Riproduzione Riservata.