BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

AGGREDITA PER IL CROCIFISSO/ Il padre del ragazzino senegalese: la religione non c'entra niente, ecco come è andata

Non sarebbero di natura religiosa i motivi che hanno spinto il dodicenne senegalese ad aggredire giovedì scorso una coetanea all'uscita di una scuola media di Terni. Le parole del padre

Il ragazzo mentre gioca a biliardino in parrocchia Il ragazzo mentre gioca a biliardino in parrocchia

Non sarebbero di natura religiosa i motivi che hanno spinto il dodicenne senegalese ad aggredire giovedì scorso una coetanea all'uscita di una scuola media di Terni. "Con quello che è successo la religione non c'entra niente - ha detto il padre del ragazzino all'Adnkronos - La verità è che mio figlio è stato preso di mira con insulti razzisti e aggressioni fisiche fin da quando è arrivato in classe. E anche giovedì mattina è successo. E lo ha picchiato anche la bambina, insieme ad altri due compagni". Insomma, quello che è successo all'uscita da scuola "è stata una reazione a quello che era successo la mattina". Inizialmente si credeva infatti che il dodicenne avesse aggredito la compagna di classe, provocandole una contusione dichiarata guaribile in venti giorni, perché non voleva che indossasse il crocifisso al collo. "Quello che è successo me lo ha raccontato lui il pomeriggio - ha aggiunto il padre parlando con l'Adnkronos - In pratica giovedì mattina alle 10.30 le maestre mi hanno telefonato dicendo che mio figlio stava dando fastidio alla classe. Io allora ho chiesto di parlargli ma non me lo hanno passato. Poi ho chiamato al cellulare l'altro mio figlio di 16 anni alle 12.30 chiedendo sempre di parlare con il piccolo, ma le insegnanti non mi hanno permesso di parlarci. Poi è successo il fatto con la bambina ma lui non gli ha strappato il crocifisso, come fa a essere un problema per lui il crocifisso se va tutti i giorni in parrocchia?". Sta infatti circolando in queste ore la foto del ragazzo impegnato a giocare a biliardino nell’oratorio di Santa Maria della Gioia a Terni, proprio sotto un crocifisso di legno.

© Riproduzione Riservata.