BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BLACK BLOC A MILANO/ La tragica sceneggiata delle code di paglia

InfophotoInfophoto

Ancora, certi giornalisti: perché da una parte gonfiano ad arte le notizie e fino a ieri hanno messo in sordina le violenze del passato facendo credere, come la Corte europea di Strasburgo, che i violenti in Italia sono i poliziotti? A che gioco stanno giocando?

Infine i metodi utilizzati dalle forze dell'ordine: si chiarisca il mandato, perché dire che si è pronti al dialogo non è compito delle forze dell'ordine, semmai dialogano le autorità. Che devono dare alle forze dell'ordine un mandato chiaro.

Ecco il compito della politica. Nel denunciare le torture e le azioni sbagliate degli agenti, deve assolutamente generare il consenso e l'unità delle forze dell'ordine, che devono anche essere meglio retribuite. Ma forse qui c'è il problema più grosso: la politica è debole, la democrazia è egemonizzata dalla sinistra che non ha ancora una visione di cos'è la responsabilità nel difendere lo Stato. Ci ritroviamo così senza un'area politica alternativa alla sinistra e senza una solida classe dirigente come si riscontra nell'Europa più consapevole. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
04/05/2015 - Solo diritti senza doveri? Non funziona così! (Giancarlo Paganini)

Vorrei stigmatizzare come assolutamente negativa l’iniziativa del presidente di Regione Lombardia Maroni che ha annunciato di voler stanziare 1,5 milioni di euro(!!!!) per sanare i danni che i teppisti professionisti di NOEXPO hanno causato a Milano. A parte la considerazione del fatto che non si capisce come mai nella nostra società ci sono alcuni che avrebbero solo diritti (tra cui poter spaccare tutto a piacimento e senza conseguenze) e altri che hanno solo doveri (in primis le forze dell’ordine e poi noi cittadini); a parte il calcolo dell’entità del danno che mi sembra esagerata come valutazione, trovo assolutamente diseducativo (nei confronti dei professionisti della violenza e dei diciassettenni “pirla” che li emulano come fossero eroi) e ingiusto due volte (nei confronti dei cittadini che si trovano a pagare due volte, si trovano l'auto incendiata e distrutta e la casa magari inagibile) che l’amministrazione pubblica spenda i soldi di tutti per sistemare i danni provocati da alcuni. Nei hai presi 5? Paghino quei 5. Se sono 10, paghino quei 10. Se altri, per solidarietà, vorranno aggiungersi, ben vengano, divideranno le spese. Ok se fosse un anticipo, da recuperare, però! Gli paghiamo già il campeggio al parco di Trenno (derogando alle norme che lo vietano), non li possiamo contrastare in alcun modo, se no vanno in galera i poliziotti, almeno non lisciamogli il pelo pagando noi i loro danni! Capirebbero che sono dalla parte della ragione e che i cattivi sono gli altri.

 
02/05/2015 - e se fosse una roba per gli psichiatri? (Claudio Baleani)

Credo sia inutile prendersela con Pisapia o la sinistra. Non è un caso politico, ma di ordine pubblico. Abbiamo leggi e le dobbiamo applicare. L'ufficiale di ps deve mettere la fascia tricolore, intimare lo sgombro, far squillare la tromba 3 volte e ordinare la carica con cavalli e camionette con eventuale uso di armi da fuoco. Non si possono fare ritorsioni la sera quando i manifestanti vanno a dormire. E illegale. E' legale vincere la violenza quando c'è. Tutti gli altri discorsi sono roba per chi ama discutere.

 
02/05/2015 - Credo che il "blocco"... (Umberta Mesina)

Credo che il "blocco emotivo" delle forze dell'ordine sia precedente alla legge anti-tortura, anche se nasce dallo stesso tipo di problema - vale a dire, il timore di essere accusati e processati per aver fatto la loro parte e non per averla trascesa. Altrimenti, per esempio, non sarebbe stato tanto difficile usare gli altoparlanti per dire "attenzione, stiamo per usare gli idranti" e poi usare gli idranti. Il getto d'acqua del camion che ho visto usare per spegnere un incendio avrebbe buttato giù i vandali in nero (sì, precisiamo: non sono "guerriglieri", nome che conferisce una qualche nobiltà) come birilli. L'adrenalina non avrebbe consentito loro di mettersi al riparo; manco l'avrebbero sentiti, gli altoparlanti. Ma se poi uno si faceva un bozzo... apriti cielo. I magistrati invece sono meno comprensibili, ma forse anche loro hanno qualche timore. Però non mi pare necessario invocare nuove leggi, se davvero potrebbero usare quelle che ci sono eppure non l'hanno fatto. Se uno ha dei timori, non userà le leggi nuove così come non usa le vecchie.