BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Non guardo la tv dal 1990, ho fatto un voto, e leggo solo Repubblica

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

Dal 1990 papa Francesco ha smesso di guardare la televisione. Non gli piace? No, si tratta di un voto fatto alla Madonna la notte del 15 luglio di quell'anno. Lo ha detto in una intervista rilasciata al quotidiano argentino La Vox del Pueblo. I giornali? Ne legge uno solo, la Repubblica che, dice, sfoglia al massimo per dieci minuti. E' un quotidiano per il ceto medio, lo ha definito. Non mancherà di suscitare polemiche questa dichiarazione, come si sa la Repubblica è considerato da molti cattolici un quotidiano schierato contro la Chiesa, ma è anche vero che Francesco si è concesso in passato a interviste con il fondatore del quotidiano, Eugenio Scalfari. Nell'intervista il papa ha parlato anche di calcio, soprattutto il problema degli ultra: "Anche in Italia ci sono stati problemi tra gli ultrà, che non necessariamente lottano per il club, la maggioranza sono mercenari" ha detto. Motivo è stata la notizia dell'aggressione di quattro giocatori del River Plate da parte dei tifosi del Boca Juniors: "È un peccato. Sono fatti selvaggi di chi viene debordato dalla passione, oltre che dalla prepotenza... dall'incapacità di vivere in società. È deplorevole che nel nostro paese esistano cose come le 'barras bravas' (ultrà, ndr), so che esistono anche in altri paesi". Ha poi detto che non ha mai sognato di diventare papa e ha detto che alle elezioni pontificie del 2005 non gli risulta di essere stato il più votato dopo Ratzinger: "Sono cose che si dicono... nella precedente elezione ero sui giornali, tra i papabili. Dentro era chiaro che doveva essere Benedetto, c'è stata quasi unanimità, fatto che a me è piaciuto molto. La sua candidatura era chiara. C'erano diversi “possibili” ma nessuno forte". All'ultimao conclave non si aspettava di essere eletto: c'era gente più giovane e valida di me ha detto.



© Riproduzione Riservata.