BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Charlie Charlie Challenge/ Che cosa è il nuovo gioco: un demone messicano o…?

Per qualcuno è un demone messicano, per altri lo spirito di un bambino morto suicida. In realtà quella che muove le matite durante il gioco Charlie Charlie Challenge è solo...

Immagine da Internet Immagine da Internet

Charlie Charlie Challenge è la nuova sfida, il nuovo gioco che sta prendendo piede un po' in tutto il mondo, come ormai accade di continuo. Su questa nuova sfida sono però già calate ombre misteriose: c'è chi addirittura dice che si tratta dell'evocazione di un antico demone messicano con tutte le conseguenze del caso. Ma di cosa si tratta? Il gioco consiste nel mettere due matite o due penneuna sopra l'altra a forma di croce, sopra un foglio di carta in cui nello spazio in alto a destra e in basso a sinistra si scrive "sì" e "no" nei due spazi rimanenti. A questo punto si potrà chiedere a Charlie Charlie se ha voglia di giocare: la matita posta in bilanciamento sopra l'altra dovrebbe cominciare a muoversi indicando il sì o il no. Se la matita sospesa indica il sì allora si potrà cominciare a porre domande di qualunque tipo allo spiritello evocato, altrimenti bisognerà aspettare e riprovare più tardi. In realtà si tratta di un semplice movimento dovuto alla forza di gravità come chissà quante volte è capitato di osservare ponendo due matite una sopra l'altra ben bilanciate. Gli appassionati del gioco, per lo più ragazzini, però la pensano diversamente e sostengono che si può smettere di giocare solo quando a precisa domanda Charlie Charlie risponderà di sì.  Bisognerà allora salutarlo, dirgli ciao, ma c'è chi dice che chi non ha salutato lo spirito ha visto accadergli episodi spiacevoli o che chi ha continuato a giocare anche se Charlie ha detto che bisognava smettere ha avuto altrettanti casi di sfortuna. Coincidenze ovviamente, leggende metropolitane ma che stanno alimentando la favola che Charlie Charlie sia lo spirito di un bambino che si è suicidato o un demone messicano.

 

© Riproduzione Riservata.