BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TASSE E FAMIGLIE/ Così il fisco "perseguita" chi ha più figli

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Dice il documento di ImpresaLavoro: "La crescita del cuneo fiscale finisce insomma per penalizzare quelle famiglie che vivono con un solo stipendio e che invece andrebbero aiutate. In valori assoluti, nel 2014 una famiglia con figli a carico e un unico reddito (in media pari a 30.462 euro) ha infatti sopportato un cuneo fiscale pari a 11.880 euro, circa 640 euro annui in più di quello che sarebbe stato se l'incidenza del fisco fosse rimasta ai livelli del 2009. Persino un single con un reddito medio e senza figli a carico ha avuto un incremento più contenuto (+426 euro verso gli attuali 14.683 euro)". Sembra di assistere a una precisa e mirata campagna fiscale, articolata per modelli familiari: peccato che la mira sia totalmente sbagliata, e penalizzi le famiglie monoreddito e quelle con figli. Alla faccia della sbandierata attenzione del Paese all'infanzia e alla natalità!

Commentare questi dati è difficile, perché spesso ci si ritrova a pensare che i trend descritti non sono affatto nuovi, ma rappresentano una situazione di medio periodo; verrebbe quasi da dire: "Perché sorprendersi? Che novità c'è in questi numeri?". Poi però arriva l'indignazione, perché vedere un fisco così efficace nel perseguitare le famiglie più generose, quelle che ancora investono nelle nuove generazioni, fa sorgere spontanea una domanda: "Queste politiche fiscali sono così perché non sono capaci di fare politiche familiari, oppure sono così inique perché alcune famiglie non piacciono?". Sembra quasi che il fisco sia al servizio di certi progetti tecnocratici europei, per cui tutte le famiglie devono essere a doppia carriera, non bisogna fare troppi figli, ed è quasi meglio essere single: fiscalmente vantaggioso, di sicuro!

Allora, in conclusione: ogni tanto leggere i dati con un punto di vista originale è importante, e lo sforzo di ImpresaLavoro è davvero prezioso, perché si è posto la domanda giusta:; "Quali forme familiari ci guadagnano, e quali ci perdono, con il nostro fisco, così com'è oggi?". La risposta però dovrebbe generare un'insurrezione generale dei genitori, delle famiglie con figli, di quei sempre meno numerosi coraggiosi, che preferiscono dedicare ai propri figli la propria vita, il proprio reddito, le proprie opportunità professionali, i propri risparmi, e che invece trovano un fisco patrigno, pronto a ignorarli, quando non a penalizzarli. 

Ma perché non tornano tutte in piazza, con i loro passeggini, queste famiglie, a testimoniare che il futuro del Paese dipende anche da loro?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
07/05/2015 - NON SOLO PASSEGGINI (MICHELE GRILANDA)

Anche le valige pronte per l'espatrio in paesi dove il trattamento è migliore. famiglie prese in giro per venti anni