BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Omelia di Santa Marta: la via della redenzione passa per i fallimenti ma l'amore vince

La via della redenzione passa attraverso i fallimenti, ha detto oggi il papa nell'omelia della messa mattutina presso Casa Santa Marta, ma alla fine l'amore vince

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Nell'omelia tenuta oggi durante la messa presso Casa Santa Marta, papa Francesco ha commentato la parabola dei vignaioli che uccidono chi viene inviato dal padrone. Quale il significato, ha chiesto: essa appare come il fallimento del sogno di Dio: “I profeti, gli uomini di Dio che hanno parlato al popolo, che non sono stati ascoltati, che sono stati scartati, saranno la sua gloria. Il Figlio, l’ultimo inviato, che è stato scartato proprio, giudicato, non ascoltato e ucciso, è diventato la pietra d’angolo. Questa storia, che incomincia con un sogno d’amore, e che sembra essere una storia di amore, ma poi sembra finire in una storia di fallimenti, finisce con il grande amore di Dio, che dallo scarto tira fuori la salvezza; dal suo Figlio scartato, ci salva a tutti”. Così la pietra scartata diventa pietra d'angolo, ha aggiunto. “La via della nostra redenzione è una strada di tanti fallimenti. Anche l’ultimo, quello della croce, è uno scandalo. Ma proprio lì l’amore vince. E quella storia che incomincia con un sogno d’amore e continua con una storia di fallimenti, finisce nella vittoria dell’amore: la croce di Gesù. Non dobbiamo dimenticare questa strada, è una strada difficile. Anche la nostra! Se ognuno di noi fa un esame di coscienza, vedrà quante volte, quante volte ha cacciato via i profeti. Quante volte ha detto a Gesù: ‘Vattene’, quante volte ha voluto salvare se stesso, quante volte abbiamo pensato che noi eravamo i giusti”. Ha poi concluso spiegando che ci farà bene ricordare questa storia di amore che sembra sia un fallimento ma che alla fine vince: "E’ la storia di fare memoria nella storia della nostra vita, di quel seme di amore che Dio ha seminato in noi e come è andata, e fare lo stesso che ha fatto Gesù a nome nostro: si umiliò”.

© Riproduzione Riservata.