BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

OVAIE CONGELATE/ Avere un figlio 14 anni dopo, egoismo o desiderio di infinito?

Infophoto Infophoto

C’è da rimanere abbacinati da quel che diamo troppe volte per scontato. Che l’uomo sia così grande. Che ci sia cioè una corrispondenza tra la realtà, di qualunque tipo, e la nostra ragione. Non è così scontato che l’uomo sappia leggere le cose e trasformarle. Siamo impotenti su tante cose. Siamo un nulla che ha un potere così grande. Siamo così speciali, abbiamo un’immaginazione e una capacità creativa così stupefacenti, sappiamo operare con tale ricchezza di frutti. E più siamo in possesso di segreti e conoscenza più cresce la nostra possibilità di bene, e di male. C’è da avere tremore davanti all’uomo, che è così grande, e così avido, gretto, da usare la sua grandezza per snaturare la sua umanità, per creare mostri.

Non è la prima volta che la scienza deve interrogarsi sul suo compito, cioè sull’etica. E’ il dramma di ogni scienziato. Per questo bisogna vigilare, continuamente chiederci cosa vogliamo per davvero, per noi e per i nostri figli. Se quel che vogliamo è buono. E’ giusto. E’ lecito. Per poter soltanto gioire, quando una nuova scoperta si aggiunge a gloria dell’uomo, senza avere paura di quel che potrà diventare.

© Riproduzione Riservata.