BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ L'Italia si è salvata grazie alle filastrocche dei bambini

Pubblicazione:domenica 14 giugno 2015

Infophoto Infophoto

I bambini salveranno il mondo! Lo salveranno nel futuro dall’ammorbante contaminazione dell’utilitarismo. Ma di nascosto come solo i bambini sanno fare, già lo salvano; perché loro, e non le generazioni adulte, sono i tenutari di una tradizione orale secolare. Nella loro vita quotidiana, nonostante i violenti lavaggi di cervello che subiscono da televisioni e pc, ancora accade di riascoltare le vecchie tiritere infantili che sentivamo e cantavamo da bambini uscire dalla bocca di un cittino, di un picciotto, di un toso di otto anni in qualunque parte d’Italia. Le vecchie tiritere, le conte, i girotondi: “Girogirotondo casca il modo…”, “ponte ponente ponteppi”, “ambarabà ciccì coccò, tre civette sul comò” sussistono anche se non gli arrivano in formato elettronico, anche se la TV le ignora, anche se i giocattoli che gli regaliamo hanno sì le canzoncine, ma sono quelle inglesi: “Twinkle twinkle little star” eccetera. Anche le musichette che escono dagli apparati illuminanti degli alberi di natale hanno musiche made in Usa… ma “Anghingò” e “piove pioviccica…”, “Ninna nanna ninna oh” resistono indisturbate. E’ un miracolo. Ed è un miracolo che resista “oh che bel castello marcondirondirondello!”, che ci ricorda la ballata di Fabrizio de André intitolata Girotondo, che significativamente fa coincidere la fine del modo con la follia e la perdita di memoria dei bambini che non riescono nemmeno più a cantare la loro canzoncina.

Di questo miracolo dobbiamo dire grazie ad una categoria ignorata dai massmedia: le maestre d’asilo, bistrattate culturalmente perché non producono cose tangibili (parrebbe!): non insegnano a contare e a leggere (questo sarà compito delle elementari) e per questo sembrano inutili agli occhi miopi della cultura utilitarista. Invece forgiano la personalità, in un mondo in cui i genitori oltretutto sono sempre meno presenti e la famiglia è sempre più indecifrabile e fragile, frammentata e rimpastata. E forgiano la personalità facendo ricorso alla tradizione, che non significa per forza quella filosofica, storica, ma quella popolare, umana, bella che raccoglie il meglio delle precedenti.

E la tradizione cosa è oggi? I ritornelli, i girotondi che facevano i nostri nonni. Spariti i giochi popolari (la campana, o il battimuro per esempio), sparito il gusto di andare a spasso con la banda dei bambini coetanei (oggi tutti chiusi in casa e si esce rigorosamente scortati dai grandi), i bambini un tempo padroni di strade e piazze vengono piazzati di fronte a pc e videogiochi, di cui possono scegliere mille versioni, ma non possono permettersi di scegliere di vedere dal vivo un uccellino, di salire su un vero albero, di rubare una mela all’albero del vicino (non ci sono più alberi, e i vicini manco li hanno mai visti).


  PAG. SUCC. >