BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Wladimir (e l'orsa Daniza), il "letargo" di chi difende gli animali ma non gli uomini

Il caso del podista trentino che ha rischiato di essere sbranato da un orso è passato del tutto in secondo piano, a differenza dell'orsa Daniza un anno fa. Il commento di MAURO LEONARDI

Un orso bruno Un orso bruno

Wladimir Molinari è un signore di 45 anni che il 10 giugno è stato assalito da un orso mentre faceva jogging a pochi chilometri dal centro di Trento. Mettete il suo nome su Youtube e lo potete guardare mentre parla da un letto d'ospedale. Graffiato, morsicato, e avendo corso il grossissimo rischio di lasciarci la pelle, potete ascoltarlo dopo una notte di operazioni chirurgiche. Racconta come a un certo punto era sicuro di essere sbranato. Affranto, perché ha sempre sostenuto il progetto Life Ursus, chiede che l'esemplare venga "come minimo catturato perché è troppo pericoloso e come ha fatto male a me può far male a chiunque e la gente ha diritto ad andare in giro tranquilla e a non essere sbranata".

Io non ho un'opinione su come ci si debba comportare, se si debba portare avanti o no "il progetto orso", e non sto né dalla parte della Lega, che chiede la revoca del programma di reinserimento dell'orso, né della Lav che critica la Provincia.

La mia domanda è perché questo fatto tragico non ha avuto una copertura mediatica neppure lontanamente paragonabile a quella che l'anno scorso ebbe Daniza, l'orsa che venne uccisa durante il tentativo di cattura perché aveva difeso i suoi cuccioli. Daniza tenne per giorni sulle spine giornali, riviste, tg e trasmissioni varie. Su Molinari ci sono un video e qualche trafiletto. L'orsa aveva oscurato le tre missionarie uccise in Burundi e si era arrivati a chiedere le dimissioni di un ministro e il boicottaggio del turismo di un'intera zona. Per l'orso del podista nemmeno una foto. Qualche esperto mi spieghi. Davvero la differenza sono gli orsetti senza latte e una mamma in cerca di cibo in vista del lungo letargo?

Wladimir da Youtube dice "prendetelo", ma la miccia non si accende. Sono io ipersensibile? Sentire la voce incrinata e ancora impaurita di un uomo che sei giorni fa è stato ripetutamente attaccato da un orso, mi fa empatizzare con lui in modo molto diverso da come accadrebbe se leggessi la notizia dell'agguato su un giornale?

O forse, scoprire che l'orso quando è in salute e sta bene, marca il suo territorio e crede che le nostre escursioni podistiche siano incursioni nemiche da cui difendersi, è qualcosa che non vogliamo sentirci dire? Non va bene scoprire che Yoghi non esiste, non ruba cestini da picnic ma attacca con unghie e denti e ti riduce, se sei fortunato, come Wladimir? Il luogo in cui Molinari è stato aggredito non è una località remota della natura in cui l'uomo penetra raramente ma è vicinissimo alla città ed è una tradizionale meta di picnic domenicali. Per avere la bomba mediatica aspettiamo che qualche cucciolo d'uomo venga mangiato il prossimo weekend?

© Riproduzione Riservata.