BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2015/ Prima prova: le tracce di italiano? Ecco i "voti" del sussidiario

Pubblicazione:giovedì 18 giugno 2015

Infophoto Infophoto

Traccia sulla guerra e la resistenza. Nell'anno del centenario (per l'Italia) della Grande Guerra, arriva una traccia su settembre 1943 e Resistenza. È un brano di Dardano Ferulli, morto alle Fosse Ardeatine. Il pensiero è alto e di grande valore morale. Faccio un po' fatica a come si potesse svilupparlo, se non in una continua riconferma di quei contenuti. Un tema a percorso "chiuso", insomma. Voto sei.

Tema su frase Malala. Un altro pensiero in ogni senso ineccepibile. Si riprende in qualche modo il tema della lettura e dei libri, come esperienze imprescindibili di libertà. Anche in questo caso difficile immaginare una qualsiasi dialettica. È un'altra traccia che costringe a percorsi obbligati e forzatamente alla retorica. Voto cinque.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
18/06/2015 - Vero (Giuseppe Crippa)

Vero, prof. Castenetto: senza essere connessi con Dio non c’è (s)campo. PS. Plasturgici in quale città?

 
18/06/2015 - connessi (roberto castenetto)

In tutte le cose c'è qualcosa di buono. Dal primo documento dell'ambito tecnico-scientifico: "...non c'è campo e incominciamo a cercarlo affannosamente. Ci sentiamo soli, ma fino a non molti anni fa era sempre così, perché eravamo sempre senza campo, e non è solo questione di parlare". I ragazzi dell'ITI in cui svolgo il mio compito professionale chiedono: prof. che cosa significa che eravamo senza campo e che non è solo questione di parlare? Sul momento non so rispondere. Poi una vecchia intervista di Ferraris mi fa capire. Essere connessi è un'illusione, perché, secondo gran parte del pensiero filosofico moderno, siamo sempre "senza campo". Do a tutti i ragazzi la chiave di lettura, ma non c'è tempo per dilungarsi. Sono elettrotecnici e plasturgici; non hanno studiato filosofia. Poi a una collega che sorveglia dico: Senza essere connessi con Dio non c'è campo.