BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA A TORINO/ Cosa c'entra con la "crisi" la tenerezza di Francesco?

Papa Francesco (Infophoto) Papa Francesco (Infophoto)

Ma come fa il Papa a vederle, a sentirle, a viverle queste cose? "Riconoscere i propri limiti, le proprie debolezze, è la porta che apre al perdono di Gesù, al suo amore che può rinnovarci nel profondo, che può ricrearci". Riconoscere limiti e debolezze? Ma non dobbiamo essere vincenti? Il mondo non è di chi se lo piglia? Non dobbiamo armarci e combattere? Non è ora di serrare i ranghi? Di alzarsi in piedi e dire con forza sì e no? Il Papa dice che non è forte chi è più forte, chi urla di più, è forte chi sa di essere debole. Un buono stratega conosce i punti deboli suoi e del proprio esercito e ancor prima di sapere tutto del nemico, sa tutto di sé. La nostra forza è che la salvezza viene dalla verità, ci ricorda il Papa. Si sta davanti a Dio con quello che si è. In verità. Non è un colloquio di lavoro con il curriculum truccato bene. Non c'è nulla da nascondere di noi. 

Questo è il segno che ci fa comprendere di essere uomini nuovi, "il sapersi spogliare delle vesti logore e vecchie dei rancori e delle inimicizie per indossare la tunica pulita della mansuetudine, della benevolenza, del servizio agli altri, della pace del cuore, propria dei figli di Dio". 

E poi Torino mi ferma con una citazione che è l'immagine di tutto. "Corriamo il rischio di lasciarci paralizzare dalle paure del futuro" cercando "sicurezze in cose che passano, o in un modello di società che tende ad escludere più che a includere". Mi vedo. Mi vedo paralizzato dalla paura. Vedo quel mio amico paralizzato dalla paura per il figlio che sembra, che è, così fragile. Vedo quella parrocchia, quella famiglia, quella ragazza sola, quell'uomo separato, quel ragazzo e i suoi amici, quei giovani sposi, quella realtà religiosa, tutto e tutti, con la tentazione forte della paura. E subito la falsa soluzione, ma tentazione fortissima, del fortino. Il fortino che è immagine di una società a ponte levatoio alzato, "ad escludere più che ad includere". È ancora una volta la sintesi del messaggio del Papa, il cuore del suo pontificato: costruire ponti e non muri, non chiudersi in una società che esclude.

© Riproduzione Riservata.