BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SENTENZA SHOCK / Cambiare genere? Non serve operarsi, l'anagrafe deve garantirlo

Pubblicazione:lunedì 20 luglio 2015

foto:Infophoto foto:Infophoto

CAMBIARE GENERE? NON SERVE OPERARSI, L'ANAGRAFE DEVE GARANTIRLO - E' possibile cambiare il genere sulla carta d’identità senza sottoporsi ad intervento chirurgico. Lo ha deciso la prima sezione della Corte di Cassazione con la sentenza numero 15138/2015. Il ricorso era stato presentato dall’avvocato di Treviso Alessandra Gracis e da Francesco Bilotta DI Rete Lenford, Avvocatura per i diritti LGBTI, per conto di un trans di 45 anni che aveva ottenuto nel 1999 una sentenza che l’autorizzava all’intervento chirurgico, ma che successivamente aveva rinunciato a sottoporsi all’intervento perché «aveva raggiunto nel tempo un equilibrio psico-fisico e da 25 anni vive ed è socialmente riconosciuta come donna», scrivono nel comunicato dell’associazione. La signora 45enne si era rivolta sia al tribunale di Piacenza sia alla corte d’appello di Bologna per ottenere la rettifica dello stato civile anche in assenza dell’intervento chirurgico, ma la sua richiesta era stata respinta. Invece la Cassazione sostiene adesso che «la percezione di una disforia di genere determina l’esigenza di un percorso soggettivo di riconoscimento di questo primario profilo dell’identità personale né breve né privo d’interventi modificativi delle caratteristiche somatiche ed ormonali originarie. Il profilo diacronico e dinamico ne costituisce una caratteristica ineludibile e la conclusione del processo di ricongiungimento tra”‘soma e psiche” non può, attualmente, essere stabilito in via predeterminata e generale soltanto mediante il verificarsi della condizione dell’intervento chirurgico». (Serena Marotta)



© Riproduzione Riservata.