BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

17ENNE SGOZZATO / Pesaro, giovane trovato cadavere in un dirupo: due amici ancora sotto torchio

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Carabinieri (Infophoto)  Carabinieri (Infophoto)

17ENNE SGOZZATO A PESARO, I DUE ALBANESI ANCORA SOTTO TORCHIO - E' ancora in corso l'interrogatorio dei due ragazzi albanesi fermati ieri sera e sospettati di aver ucciso Ismaele Lulli, lo studente di 17 anni ritrovato senza vita in un boschetto di San Martino in Selva Nera, nel comune di Sant'Angelo in Vado nella provincia di Pesaro e Urbino. I due stranieri conoscevano bene il ragazzo e al momento sono ascoltati nella stazione dei carabinieri dal comandante provinciale dell'arma, Antonio Sommese, e dal sostituto procuratore della repubblica di Urbino, Irene Lilliu. Si indaga anche sull'ultimo sms che Ismaele avrebbe inviato a un parente: "Cambio vita, vado a Milano. Non mi cercate", ma è un altro dettaglio che non convince gli inquirenti e che potrebbe far pensare che a scriverlo sia stato proprio il killer per tentare di depistare le indagini. Il delitto potrebbe essere maturato per una questione passionale (forse un apprezzamento a una ragazza) oppure per un piccolo debito non pagato.

17ENNE SGOZZATO A PESARO, ASCOLTATI DUE GIOVANI ALBANESI - Due stranieri sono stati ascoltati dai carabinieri di Pesaro sull’omicidio di Ismaele Lulli, il ragazzo di 17 anni scomparso domenica e trovato ieri con la gola tagliata in località San Martino in Selva Nera a Sant'Angelo in Vado. Si tratterebbe di due giovani albanesi, ma al momento non ci sarebbe alcun provvedimento di fermo. Il corpo del 17enne è stato trovato da un passante e sul luogo i militari avrebbero rinvenuto due zainetti che costituirebbero una pista rilevante per gli investigatori. Si cerca anche l’arma del delitto, mentre nel corso della giornata di oggi è prevista l’autopsia sul corpo del giovane.

17ENNE SGOZZATO A PESARO - È stato ritrovato in un dirupo vicino una chiesa di San Martino in Selva Nera il cadavere del 17enne Ismaele Lulli che era scomparso da ieri come dalla sua casa dove abitava insieme ai familiari in provincia di Pesaro e Urbino. Il corpo presenta un profondo tagli alla gola che ha fatto sospettare agli inquirenti che il ragazzo sia stato ucciso in un altro luogo e poi abbandonato nel dirupo. Le indagini, dirette dal pm Irene Lilliu della Procura di Urbino, sono supportate dai carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Roma. Il cadavere è stato trovato da un passante che camminando vicino alla chiesa ha notato il corpo del ragazzo rivolto a pancia giù. Lulli frequentata l'istituto alberghiero e già da ieri i suoi compagni di scuola avevano scritto messaggi su Facebook per aiutare le ricerche del ragazzo che mancava da casa da quasi 24 ore. La madre aveva denunciato la scomparsa ai carabinieri del luogo prima del tragico ritrovamento di oggi. Le forze dell'ordine stanno facendo delle indagini per risalire all'assassino e agli eventuali motivi che hanno portato all'uccisione del ragazzo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.