BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO IL MEETING/ Snaidero: a Rimini per "conquistare" giovani e Cina

Pubblicazione:venerdì 31 luglio 2015

Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo e Salone del Mobile Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo e Salone del Mobile

Certamente, sarà un'altra parte della nostra mostra. Racconteremo la bella esperienza del Polo Formativo del Legno Arredo, nata dalla volontà di alcuni imprenditori associati a FLA per dare vita ad una scuola che possa formare davvero le figure chiave delle loro aziende, con lo stesso obiettivo dell'ITS: aprire il futuro con il successo del nostro settore che tanto bene ha fatto fino ad oggi. 

 

Sempre rimanendo all'interno del complesso tema del lavoro giovanile, spesso si ha l'impressione che vi sia troppa distanza tra questi due mondi che invece andrebbero sempre più avvicinati. Come giudica il successo del vostro apprendistato formativo?
Con molto orgoglio posso dire che siamo la prima associazione a mettere in pratica questa forma particolare di contratto. È da anni che cerchiamo di ottenere un'agevolazione per fare entrare i giovani nel nostro settore, per potere iniziare a formarsi al meglio e in maniera produttiva per tutti. Dobbiamo poi approfittare della situazione generale, internazionale ma anche italiana, con leggeri segnali di ripresa. Come si dice, dopo sette anni d vacche magre, ce ne sono altri sette di vacche grasse. Speriamo che "le magre" siano finite ecco. 

 

Altro punto importantissimo della vostra presenza al Meeting è il tema del design: cosa esprime ancora oggi il design italiano?
Le faccio una domanda: perché è conosciuto ancora oggi in tutto il mondo l'arredamento italiano? Esatto, proprio per il design. Se non teniamo viva questa forza, è inutile che facciamo pubblicità del nostro arredamento, dobbiamo invece continuamente alimentare e conoscere la base decisiva del successo del nostro arredamento. Vede, è come la gazzella che è costretta a correre sempre per evitare di essere mangiata dal leone; se noi non facciamo così oggi, ci mangiano letteralmente all'estero. Ci copiano e ci rubano il mercato, ma la nostra forza è proprio la continua differenza tra i nostri prodotti originali e le copie. Una differenza che si vede subito e che dobbiamo continuare a coltivare. 

 

Terzo grande tema in programma è la Cina, di cui ci sarà anche un vostro importante incontro il 24 agosto al Meeting alla presenza di esponenti cinesi e di Francesco Rutelli. Quali sono le opportunità da cogliere in quel mercato?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >