BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VERSO IL MEETING/ Snaidero: a Rimini per "conquistare" giovani e Cina

"Benvenuti a casa nostra" questo il titolo della mostra con cui FederlegnoArredo si presenta al Meeting di Rimini 2015. ROBERTO SNAIDERO ci presenta tematiche e obiettivi: giovani e lavoro

Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo e Salone del Mobile Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo e Salone del Mobile

È il quinto anno consecutivo, una consolidata formula che lega la più grande filiera italiana di legno e arredo come FederlegnoArredo con il Meeting di Rimini: anche in questa stagione la kermesse riminese (in programma tra il 20 e il 26 agosto) ospiterà uno stand di FLA dove verranno proposti i prodotti e le storie legate alla grande federazione italiana. Nello specifico, la proposta quest'anno si arricchisce rispetto agli anni passati di un'interessante mostra itinerante lungo tutto lo stand - decisamente imponente quest'anno, comprendente ben 800 metri quadri - dal titolo già esplicativo: "Benvenuti a casa nostra: storia di lavoro, passione, educazione". La mostra è un percorso dedicato interamente al tema di giovani e lavoro, con l'intero parco aziende appartenenti all'ampio settore legno-arredo che cercano giovani competenti per continuare la storia che le ha rese grandi in tutto il mondo. Abbiamo perciò raggiunto in esclusiva per il Sussidiario.net il presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero, per avere una panoramica approfondita dell'intera proposta di FLA al Meeting di Rimini 2015.

 

Presidente Snaidero, manca ormai poco meno di un mese al Meeting: cosa dobbiamo attenderci da FLA quest'anno a Rimini? Su cosa quali temi punterete?
Dice già tutto il titolo della mostra/stand, "Benvenuti a casa nostra". Quest'anno abbiamo fatto tutto in funzione dei giovani e del rapporto con il mondo del lavoro. La mia idea era di impostare lo stand di FederlegnoArredo al Meeting per dare un forte segnale ai giovani; abbiamo bisogno di loro, è il vero nostro obiettivo. E la location del Meeting di Rimini esemplifica questa nostra attenzione data la fortissima concentrazione di giovani, non c'è infatti luogo migliore per poter dare un segnale come questo da una federazione grande come la nostra. In tempi di terribile disoccupazione come questi, trovare ragazzi e ragazze volenterosi, competenti e che scommettono in un mestiere come quello del nostro settore è importante e ottimi risultati li vediamo già ora. 

 

A guardare l'intero programma della vostra mostra e dei vostri incontri si comprende la forte impronta sul tema intricato formazione professionale ed educazione: come valuta l'esperienza dell'ITS di Lentate?
Guardi un'esperienza incredibile con numerosi risultati immediati, sono già tante le aziende che cercano di accaparrarsi i nostri giovani. Le faccio un esempio: un mio collega imprenditore del Veneto, a cui una nostra studentessa dell'ITS aveva partecipato da lui in azienda per uno stage, mi ha detto che se lei fosse stata veneta l'avrebbe assunta immediatamente. Lei è lombarda e non verrebbe nel Veneto, ma questo è quanto. Da qui l'idea che mi è nata: desidero esportare la formula vincente dell'ITS di Lentate non solo in Lombardia ma anche in altre zone di eccellenza industriale e produttiva italiane, come Veneto e Piemonte. Purtroppo ancora ad oggi non ci sono scuole in Italia che preparino perfettamente i giovani al nostro settore, a parte questi nuovi ITS. 

 

Si parlerà anche del vostro Polo Formativo del Legno Arredo?