BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SERGIO DE CAPRIO / Chi è il capitano Ultimo del Noe sollevato dal comando

Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, vice-comandante del Noe e responsabile dell'arresto di Totò Riina è stato esautorato, non avrà più compiti operativi. Il suo profilo

infophoto infophoto

Il colonnello Sergio De Caprio, il famoso capitano Ultimo (il suo nome in codice), non svolgerà più le suo funzioni di polizia giudiziaria. Ma chi è De Caprio, al quale è stata dedicata anche una serie con Raoul Bova? Negli ultimi anno è stato vicecomandante del NOE, Nucleo Operativo Ecologico, dove guidava più di duecento uomini. Nel 1993, quando era capitano dei Carabinieri e parte del Crimor, fu responsabile dell’arresto del boss Totò Riina a seguito del quale gli dovette venir assegnata una scorta, perché ormai sopra di lui pendeva la condanna a morte della mafia. De Caprio è un uomo caparbio, determinato e capace di opporsi ai vertici , con i quali è stato spesso in contrasto, pur di portare avanti le indagini e assicurare alla giustizia i colpevoli. De Caprio ha guidato le inchieste più clamorose degli ultimi anni, non solo mentre faceva parte del Crimor, ma anche come capo del NOE. A inizio agosto, però, il generale Del Sette, a capo dei Carabinieri, ha informato che il colonnello De Caprio non avrà più compiti operativi, non specificando ulteriormente il motivo di questa decisione. Non si è fatta attendere la replica del capitano Ultimo, che salutando i propri reparti con una lettera, col carattere orgoglioso e indomito di sempre, sostiene che così vengono calpestate le persone che si dovrebbero invece aiutare e sostenere. I suoi uomini, quelli che ha sempre difeso e che lo hanno sempre sostenuto, tanto che nel 2009 quando gli venne tolta la scorta decisero di lavorare il doppio pur di proteggerlo fino a quando non gli venne riassegnata la protezione dovuta. Il Noe, guidato da Sergio De Caprio, è stato protagonista di arresti e indagini clamorose: l’arresto di Giuseppe Orsi di Finmeccanica, di Spagnolini di Agusta, le inchieste sugli appalti per L’Aquila e le ultime due intercettazioni clamorose, quelle del Premier Renzi, allora sindaco di Firenze con Adinolfi, generale della Guardia di Finanza, e quella che coinvolgeva Adinolfi, Casasco, Fortunato e Nardella riguardanti Giorgio Napolitano. È molto probabile che la lettera di De Caprio, però, non sia l’ultima parola, ma solo il preludio di una nuova battaglia, forte del sostegno e del malumore che serpeggia fra i suoi uomini.

© Riproduzione Riservata.