BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MASCHERA DI TESCHIO / Contro l'Isis un soldato vestito come The Punisher: combatterò fino a morire

Pubblicazione:mercoledì 26 agosto 2015

infophoto infophoto

LASCIA L'INGHILTERRA E COMBATTE L'ISIS CON UNA MASCHERA CON UN TESCHIO: Un imprenditore edile di successo ha lasciato la propria azienda per andare in Iraq a combattere l’Isis. Le sue immagini, mentre col volto coperto da una maschera con un teschio, imbraccia un fucile e indossa la bandiera del Kurdistan e quella britannica, stanno facendo il giro della rete. A febbraio di quest’anno il trentottenne ha venduto la sua azienda in Inghilterra e si è trasferito, in una località sconosciuta, unendosi a una milizia cristiana. A suo dire la popolazione locale si sta abituando alla guerra, ma è ancora la loro patria ed è triste sapere che non possono neanche fare le commissioni senza essere perseguitati. Il combattente inglese ha dichiarato di non avere intenzione di rientrare presto, sebbene lo abbia distrutto lasciare la propria famiglia, ma era la cosa giusta da fare. Non il solo ad aver preso questa decisione coraggiosa, si stima che ci siano circa 500 cittadini Europei in Siria e Iraq che combattono accanto ai Curdi, a loro se ne aggiungono altri dal Canada e dagli Stati Uniti. Ad esempio Erik Scurfield, un ex marine dell’esercito britannico, morto a marzo a soli 25 anni, mentre combatteva contro i jidahisti in Siria, a spingerlo in Medio Oriente la frustrazione e la rabbia nel vedere le persecuzioni e i tanti omicidi di persone innocenti. A dicembre, secondo quanto riportato, due ex soldati inglesi, si sono trasferiti in Siria per combattere contro l’Isis, si sono sentiti obbligati a questa scelta a seguito dell’omicidio del volontario Alan Henning.



© Riproduzione Riservata.