BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANT'ALESSANDRO/ Santo del giorno, si celebra Il 26 agosto

Pubblicazione:mercoledì 26 agosto 2015

(InfoPhoto) (InfoPhoto)

SANTO DEL GIORNO, IL 26 AGOSTO SI CELEBRA SANT' ALESSANDRO DI BERGAMO MARTIRE - Il giorno 26 agosto di ogni anno la Santa Chiesa Cattolica Romana ricorda e festeggia nel proprio calendario martirologio anche San Alessandro di Bergamo, che nel corso della propria vita terrena subì il martirio per la professione della propria fede verso gli insegnamenti di nostro Signore Gesù Cristo. Non si conosce tantissimo della prima parte della propria vita tant’è che la data di nascita è praticamente ignota mentre si ipotizza che il luogo di nascita possa essere stata la città egizia di Tebe. San Alessandro è vissuto nel corso del III secolo dopo la nascita di Gesù Cristo e da quanto si apprende da alcuni documenti scritti alcuni secoli dopo la sua morte, era un soldato e per la precisione il vessillifero della mitica legione Tebea comandata dal generale romano Maurizio che a sua volta è poi diventato una figura di riferimento del Cristianesimo venendo venerato come Santo.

Ripercorrendo la sua vita, San Alessandro era a capo di una centuria che venne mandata in diverse regioni dell’Europa prima e dell’Africa Settentrionale poi. In quel particolare periodo storico c’era in atto una terribile persecuzione ai danni dei cristiani messa in atto dall’Imperatore Massimiano. San Alessandro e buona parte dei suoi soldati si rifiutarono di eseguire tali ordini e vennero a loro volta perseguitati. Molti di loro vennero uccisi in una zona dell’odierna Svizzera. San Alessandro ed altri compagni riuscirono a scappare verso l’Italia ma all’altezza dell’odierna Milano vennero catturati ed imprigionati. Gli venne imposto di abiurare alla fede cristiana ma lui si rifiutò peraltro riuscendo a scappare dalla prigione grazie all’aiuto di alcuni amici tra cui il vescovo Materno.

La tradizione vuole che durante la sua fuga verso la città di Como, mise in atto un miracolo risuscitando una persona ormai morta. San Alessandro venne nuovamente catturato e portando dinnanzi all’imperatore Massimiano che lo condannò a morte non solo per la sua reticenza di abbandonare la religione cristiana ma anche per il fatto che buttò per terra con sdegno l’ara che era stata preparata per il sacrificio agli dei pagani romani. La condanna a morte non venne mai eseguita in quanto tutti i soldati che venivano interpellati a fungere da boia non riuscivano a trovare la forza nelle braccia per colpirlo in quanto secondo la tradizione, San Alessandro appariva loro come un monte.

L’imperatore allora ordinò che venisse tenuto in prigione affinchè morisse di stenti ma San Alessandro ancora una volta riuscì a scappare rifugiandosi in un bosco nei pressi dell’odierna Bergamo. In questa zona, il Santo incominciò a mettere in atto un’opera di conversione della popolazione locale fino a che non venne nuovamente catturato dai soldati romani che purtroppo eseguirono la condanna a morte per mezzo di decapitazione il 26 agosto 303 nel punto esatto dove oggi sorge la chiesa di San Alessandro in Colonna.

Il suo corpo venne inumato nei poderi di una nobile del tempo, Grata, che di fatto lo seppellì nell’orto stante attorno alla propria casa.

SANTO DEL GIORNO, SAN ALESSANDRO DI BERGAMO MARTIRE: IL PATRONO DI BERGAMO - San Alessandro di Bergamo è il patrono di diverse città e cittadine tra cui la stessa Bergamo, Colnago, San Gervasio, Cervignano d’Adda, Bisozzo in provincia di Varese, Cesate in provincia di Milano e diverse altre ancora.
Bergamo è un comune italiano presente nella regione Lombardia di circa 120 mila abitanti. Bergamo è divisa praticamente in due zone: la Città Alta e la Città Bassa. In passato è stata soprannominata la città dei Mille giacchè molti bergamaschi si unirono a Giuseppe Garibaldi per la loro storica missione. Tra i monumenti ricordiamo il Palazzo della Ragione, il Campanone. Piazza Vecchia e Santa Maria Maggiore.
I SANTI DEL 26 AGOSTO - Il 26 agosto si festeggiano altri santi tra cui san Melchisedec, San Massimiliano, Sant’Anastasio, Sant’Eleuterio, San Giovanna Elisabetta Bichier des Ages e Santa Teresa di Gesù Jornet Ibars.



© Riproduzione Riservata.