BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PICNIC SU TOMBA DI 6000 ANNI / Pietre di un monumento funebre del 4000 a.C. usate per costruire un set da picnic

Tomba di 6000 anni distrutta per costruire un tavolo da picnic. in Spagna le pietre di un monumento funebre del 4000 a.C. sono state utilizzate per realizzare tavolo e panche 

infophoto infophoto

DISTRUGGONO REPERTO DEL 4000 a.C. E CI FANNO UN SET DA PICNIC: Hanno usato le pietre di una tomba del 4000 a.C. per costruire un tavolo da picnic. È successo in Spagna a Ardesende, nella regione settentrionale di Cristovo de Cea, in un sito archeologico dove era conservata una tomba del neolitico, sostituita da qualche incauto maestro del fai da te con un set da picnic di design completo di panche e tavolo. In realtà anche il comune del posto ignorava l’importanza storica del luogo e che quelle pietre, apparentemente senza ordine, fossero un reperto archeologico di incommensurabile valore. Il dipartimento della Cultura, Educazione e Università della Galizia ha immediatamente fatto partire le indagini per scoprire i responsabili, non appena informato dell’accaduto dal Grupo Ecoloxista Outeiro de Carballino, che hanno dichiarato che la realizzazione del tavolo e delle panche ha causato un danno irreparabile a questo sito funerario preistorico. La cosa davvero sconcertante è che il sito nel 2008 è stato registrato dal Governo della Regione come “sito di interesse culturale” ma il consiglio comunale sostiene di non averlo mai saputo e di ignorare l’esistenza di un simile reperto. Il sindaco di Cristovo de Cea ha anche criticato il gruppo ambientalista, che, a suo dire, avrebbe dovuto sollevare la questione prima che il sito venisse distrutto e non a cose fatte anche perché non hanno mai avvisato dell’importanza del sito. Il luogo, infatti, non era segnalato e logica avrebbe voluto che avvisassero il consiglio comunale che si sarebbe premunito di proteggere il sito, anche se la responsabilità di salvaguardia dell’area archeologica era del governo regionale e non del comune.

© Riproduzione Riservata.