BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA A CUBA/ E' arrivato e già trasmette al popolo (e a Fidel) il fascino di Dio

Pubblicazione:

Papa Francesco (Infophoto)  Papa Francesco (Infophoto)

L'AVANA — Il "misionero" è arrivato. Cuba ha accolto quello che per tutti è Francisco, l'amico, il pontefice argentino, il Papa che parla la stessa lingua e conosce miserie e tribolazioni dell'isola, l'uomo che ha messo faccia e parola a garanzia del nuovo patto con gli yankees. Bergoglio è qualcosa di più di un ospite gradito, è lo strumento della provvidenza in una fase cruciale per il futuro del governo a doppia firma castrista. Colui che raccogliendo il grido inascoltato dei suoi predecessori sull'inutilità dei ricatti economici e delle politiche strangolanti dell'imperialismo americano, può davvero compiere il miracolo, liberando il popolo cubano dall'embargo. 

La retorica rivoluzionaria e ancora tutta lì, le parole si rincorrono nel torrenziale discorso di Raul, l'uomo vecchio del regime che ha dischiuso Cuba, lasciando intravvedere un'altra vita possibile. Eppure oltre la fanatica difesa di un sistema stremato, l'enfasi e l'orgoglio che vengono da anni di resistenza alle tentazioni del capitalismo, si percepisce la pressione degli eventi recenti. A differenza degli ultimi due pontefici, Bergoglio è in una paese che ha iniziato a riassaporare il gusto della speranza, senza perdere in onore. Il fraseggio socialista più che a riempire le colonne del foglio di Stato, la Granma, serve ad allontanare il timore che questa volta ciò che a lungo si è desiderato possa davvero realizzarsi.

Non è facile rinunciare al comodo alibi fornito per decenni dall'intransigenza americana, e per qualcuno sull'isola sarà persino doloroso scoprire che si può vivere rinunciando all'autarchia. Certo non per i poveri, quel popolo affamato che ha annegato le sofferenze nella solarità caraibica. In fondo sappiamo bene che Francesco è a Cuba proprio per i cubani, per sostenere un processo che tutti si augurano sia irreversibile, concedendo a tutti, non solo ai cattolici, spazi di libertà. 

Nel suo discorso all'arrivo, ha ricordato i legami di cooperazione e amicizia tra governo e Chiesa, quella comunità che non ha mai abbandonato la gente di Cuba, aiutata da una sapiente regia diplomatica, che in 80 anni di relazioni ininterrotte ha mantenuto un contatto con il governo di Castro anche nei momenti più difficili. E' la stessa diplomazia che ha messo a segno la firma dell'accordo tra le due delegazioni, cubana e statunitense, dentro le mura vaticane, alla presenza del Segretario di Stato, come rivelato da mons. Angelo Becciu in un'intervista a TV2000. E che oggi continua a lavorare per la fine dell'embargo sul piano internazionale, ma anche per assicurare spazi di libertà dentro l'isola. 

Lo stesso Francesco ha chiesto per la Chiesa mezzi e spazi necessari per far giungere l'annuncio evangelico fino alle periferie esistenziali della società. Tradotto nel sottile gioco delle parti, la squadra della Segreteria di Stato, schierata in forze all'Avana (al seguito del pontefice oltre al Segretario di Stato Parolin e al Sostituto, mons. Becciu, è presente anche il ministro degli esteri vaticano, mons. Paul R. Gallagher), spera di portare a casa risultati concreti, e, come già accaduto per le precedenti visite dei pontefici, incassare piccole concessioni. 


  PAG. SUCC. >