BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Francesco in volo verso gli Usa: "Io antipapa e comunista? Seguo la Chiesa"

Pubblicazione:mercoledì 23 settembre 2015 - Ultimo aggiornamento:domenica 27 settembre 2015, 21.53

Papa Francesco parla con i giornalisti durante uno dei suoi viaggi (Immagine dal web) Papa Francesco parla con i giornalisti durante uno dei suoi viaggi (Immagine dal web)

Ma quando un giornalista francese lo ha stuzzicato sui suoi discorsi a Cuba, insinuando che avesse mostrato maggiore indulgenza con il sistema comunista, evitando la durezza esibita invece verso il liberalismo capitalista, ha risposto paziente "Nei discorsi che ho fatto a Cuba ho sempre fatto cenno alla dottrina sociale della Chiesa, ma le cose che si devono correggere le ho dette chiaramente, non 'profumatamente' o in maniera 'soft'". 

Bergoglismi a parte nessuna soggezione per il governo dell'Avana, e sul mancato incontro con i dissidenti cubani ha chiarito di non essere stato messo al corrente di arresti di dissidenti durante la sua permanenza e che non erano state previste udienze private. Ha confermato, però, contatti tra la nunziatura ed alcuni anticastristi, si era lavorato per un saluto informale durante uno dei trasferimenti all'Avana, in particolare quello verso la Cattedrale dove si sarebbero dovuti trovare alcuni oppositori del governo comunista. Ma non sapremo mai se l'incontro sia avvenuto, i dissidenti non si sono identificati come tali. Dei suoi giorni cubani, poi, ha ricordato anche l'incontro familiare e spontaneo con Castro, rivelando che il tempo insieme è stato riempito da chiacchiere sugli anni di Fidel nel collegio dei gesuiti, sulle amicizie comuni e le preoccupazioni per l'emergenza climatica. Insomma con il grande vecchio, mito vivente e icona comunista si sono parlati da uomini, senza fare bilanci o processi alla storia. Del resto Papa Francesco ama guardare avanti e per questo si è mostrato desideroso di vedere la fine del bloqueo, esattamente come i suoi predecessori, auspicando che i negoziati tra Cuba e Stati Uniti vadano a buon fine, in modo da soddisfare entrambe le parti. Certo un cosa agli americani non concederà mai, nonostante si sforzi: non riesce ad imparare l'inglese, "non sono bravo" ha ammesso candidamente.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.