BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ La piccola Xin e il chirurgo Shi Zhuo, lezione di "fede"

MAURO LEONARDI ci racconta la saggezza di un giovane medico cinese, Shi Zhou, che per calmare una bimba prima di un'operazione ha fatto entrare in sala operatoria i cartoni animati

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Nonostante l'italiano sia un lingua ricchissima a volte mancano le parole. Come raccontare le foto del giovane chirurgo Shi Zhuo che per tranquillizzare la piccolissima paziente spaventata prima di una pericolosa operazione al cuore, le mostra sul suo smartphone dei cartoni animati? Sarà che siamo abituati a immagini di dolore, di bambini violati, uccisi, affogati, dispersi, ma queste foto sono davvero un regalo di Natale anticipato. Inaspettato.

Da godersele scatto dopo scatto. Nella prima foto, il visetto della bimba in braccio al medico è spaventato e piangente. Piangente ma attento nella seconda.

Poi, nella terza foto, sempre attenta ma ben accomodata. Infine, nella quarta foto, totalmente appoggiata al suo medico e seria seria. Perché guardare un cartone animato, a due anni, è una cosa seria. Piedini rilassati, schiena dritta.

La storia del fumetto, probabilmente è al culmine, nella quinta e ultima foto. Fermiamoci adesso sul giovane medico. Non siamo in un soggiorno o in una sala d'aspetto. Sia lui che la bimba sono vestiti da sala operatoria perché siamo in una sala operatoria, è l’ora dell’operazione, e si sta facendo tardi. Quindi quel giovane medico si è fermato, ha bloccato tutto proprio prima di cominciare perché la bimba piangeva e non voleva entrare.

Avrebbe potuto addormentarla, invece Shi Zhuo - il giovane chirurgo - ha avuto pazienza, ha donato tempo, ha guardato chi aveva davanti e solo dopo quel dono semplice, un cartone animato, solo dopo quel guardarsi, ha preso con sé la bambina. Perché a quel punto la bimba voleva seguire il medico. Imparo. Quante volte non riesco ad aiutare qualcuno perché non lo aiuto con ciò che può capire, con ciò che fa bene a lui, ma cerco di aiutarlo con quello che so io, con quello che io penso sia il meglio per lui?