BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MENINGITE/ Pisa, lo studente ricoverato si è risvegliato dal coma

Pubblicazione:lunedì 7 settembre 2015 - Ultimo aggiornamento:lunedì 7 settembre 2015, 16.40

Immagine di archivio Immagine di archivio

MENINGITE PISA, RICOVERATO STUDENTE: SI E' RISVEGLIATO DAL COMA - Si è risvegliato dal coma lo studente di 23 anni affetto da meningite meningococcica di tipo C. Lo fa sapere il Comune di Pisa, spiegando che le condizioni del giovane sono stabili e che si registra un miglioramento dal punto di vista neurologico, ma si attendono le 48-72 ore per sciogliere la prognosi. Attualmente il 23enne è sempre ricoverato nell’Unità operativa di Anestesia e rianimazione del pronto soccorso dell’Aoup ma è sveglio, lucido e collaborante e potrebbe essere trasferito nell’Unità operativa di Malattie infettive non appena le sue condizioni saranno tali da non richiedere più assistenza intensiva.

MENINGITE PISA, RICOVERATO STUDENTE IN GRAVI CONDIZIONI. GELLI (PD): IL MINISTERO INTERVENGA - "Il Ministero della Salute deve intervenire per capire se c’è una motivazione che possa spiegare questa escalation di casi registrati in Toscana rispetto agli anni passati". Lo ha detto Federico Gelli, deputato del Pd e responsabile sanità del suo partito, commentando il nuovo caso di meningite a Pisa che ha colpito uno studente di 23 anni. "Soltanto pochi giorni fa un altro caso si era registrato in Versilia, segno evidente che la campagna di vaccinazioni voluta da Asl e Regione che avevano deliberato il richiamo gratuito per le fasce più a rischio sembra non aver avuto l’impatto sperato", ha aggiunto Gelli, secondo cui "è necessario quanto prima rilanciare la campagna di vaccinazioni per ridurre al minimo il rischio di contagio".

MENINGITE PISA, RICOVERATO STUDENTE IN GRAVI CONDIZIONI: IN MILLE SOTTOPOSTI A PROFILASSI - Continua l'allarme in Toscana per la meningite, ultimo caso in queste ore a Pisa: uno studente universitario di matematica di 23 anni ha accusato i primi sintomi ed è stato subito ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Cisanello. Lo ha reso noto nelle scorse ore l'Al 5 di Pisa, chiedendo ai vari cittadini di non scatenare il panico che le vaccinazioni negli scorsi mesi sono state moltissime e che non c'è alto rischio. Le precauzioni che stanno prendendo in queste ore le istituzioni sono state prima di tutto diffondere i luoghi dove il ragazzo è stato negli ultimi giorni e sopratutto è scattata la profilassi di rito per oltre mille persone che possono aver avuto contatto con il paziente. I medici e i sanitari dell'igiene dell'Al 5 hanno aperto subito gli ambulatori del dipartimento di prevenzione per dare una risposta agli utenti, fermo restando che il rischio contagio affermano tutti gli esperti è realmente molto basso. Per effettuare anche oggi la profilassi, occorre presentarsi agli ambulatori della Asl 5 in Galleria Gerace a Pisa fino alle ore 20, sempre presso il dipartimento di prevenzione dell'Asl, rende noto sempre la stessa struttura sanitaria.

MENINGITE PISA, RICOVERATO STUDENTE IN GRAVI CONDIZIONI, L'ALLARME - Uno studente universitario di Pisa di 23 anni si trova ricoverato in gravi condizioni a causa, secondo i primi accertamenti, di meningite. La notizia ha destato immediato allarme nella città e dintornii, tanto che l'Asl 5 di Pisa ha diramato una nota pubblica spiegando di essere a disposizione dei cittadini per spiegare cosa sta succedendo: "La direzione della ASL 5 raccomanda, comunque, di non farsi prendere dal panico anche perché nei mesi scorsi è stata messa in atto dalla Regione e dalle aziende sanitarie una forte campagna vaccinale, quindi il pericolo di contagio è decisamente minore. Lo studente è sempre in prognosi riservata". Si stanno anche ricostruendo i suoi ultimi spostamenti per correre ai ripari in caso di contagio: il 4 settembre era al cinema Odeon di Pisa, ha frequentato gli ambienti della mensa universitaria, il ristorante Le Scuderie e il pub Bulldog di Pontedera.



© Riproduzione Riservata.