BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRIOLO GARGALLO/ Siracusa, incidente al polo petrolchimico: morti due operai. Giovedì sciopero generale nella raffineria

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (Infophoto)  Immagini di repertorio (Infophoto)

PRIOLO GARGALLO, SIRACUSA: INCIDENTE AL POLO PETROLCHIMICO, MORTI DUE OPERAI - Ancora molto fumo e pochi elementi chiari per la tragedia occorsa nella mattinata al polo petrolchimico di Priolo Gargallo in provincia di Siracusa dove hanno perso la vita due operai che stavano effettuando lavori di manutenzione. Le due vittime di incidente sul lavoro sembra siano cadute in un pozzetto e immediatamente il magistrato ha disposto il sequestro dell'area. I due morti rispondono ai nomi di Salvatore Pizzolo, 37 anni, e Michele Assente, 33 anni; stavano questa mattina svolgendo lavori di manutenzione alla rete fognaria nell'impianto di etilene della Versalis, famosa azienda del gruppo Eni. La dinamica che inizia a venir fuori dalle primissime indagini parla della caduta di uno dei due operai e l'altro dietro dopo l'inutile tentativo di afferrarlo: troppe esalazioni e le cadute non hanno permesso la rianimazione e sono dunque morti poco dopo.I sindacati hanno proclamato subito uno sciopero generale per domani, al quale aderiranno tutte le categorie impegnate nella Raffineria e nell'indotto.

PRIOLO GARGALLO, SIRACUSA: INCIDENTE AL POLO PETROLCHIMICO, MORTI DUE OPERAI - Tragedia avvenuta in mattinata nei pressi di Siracusa, al polo petrolchimico Priolo Gargallo dove due operai di un'azienda metalmeccanica dell'indotto sono morti in seguito ad un incidente fatale. Stavano effettuando lavori di semplice manutenzione quando pare, secondo quanto riportato da Rai News, siano caduti in un pozzetto. Immediatamente sul posto è arrivato il magistrato per indagare le reali cause dei due decessi, che intanto però vengono pianti dalle loro famiglie: purtroppo non è la prima volta che accade un incidente sul lavoro nell'area del petrolchimico vicino a Siracusa: nel maggio 2013 ci fu un'altra cosiddetta morte bianca", un addetto agli impianti che trattano acidi di processo di raffinazione alla Isab Nord. In quel caso il corpo non venne trovato subito, bensì venne poi rilevato purtroppo senza vita nel percorso che collega l'impianto al quale era addetto la vittima. Le morti sul lavoro, una piaga che da sempre trafigge l'Italia ha purtroppo ancora aggiornato la conta delle vittime: ora si tratta di sapere se vi sono stati errori da parte delle due vittime oppure se c'erano dei seri pericoli di infrastrutture. Seguiranno di certo aggiornamenti dopo le perizie degli inquirenti.



© Riproduzione Riservata.