BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ASHLEY OLSEN/ Metti un'adolescente di 35 anni, una Firenze ubriaca e il nostro falso buonismo...

Pubblicazione:venerdì 15 gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 15 gennaio 2016, 10.17

Infophoto Infophoto

Quell'uomo è un delinquente. Bieco. Drogato, forse, se anche tenesse la sua versione, ovvero l'incidente fatale (ma il cranio spaccato? dài, non è credibile), è comunque fuggito, compiendo un gesto inqualificabile: ha messo la sua scheda nel telefonino di lei, con un cinismo e un'abitudine al furto, alla cattiveria che non ha scuse. Si può dire che è un ignobile assassino un ragazzo di colore, senza essere linciati? E si può dire che Ashley era stravagante, ma forse non proprio così brava ragazza? Si può dire che bisogna controllare tra la folla in arrivo e distinguere il grano dal loglio?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
15/01/2016 - Muoiono anche le cosidette brave persone (claudia mazzola)

Qualcuno ha chiesto ad Ashley se sapeva di morire così? Perdoniamo i suoi peccati noi e Dio, e una preghiera per lei "Ashley non ti preoccupare di chi dice che eri una poco di buono e riposa in pace".

 
15/01/2016 - morte ragazza a Firenze (Maria Elena Petrazzini)

A parte il dispiacere per quanto accaduto, penso che una ragazza (di 35 anni comunque e non una ragazzina sprovveduta) che sta in giro tutta la notte, che si accompagna a persone forse poco raccomandabili, ecco un qualche rischio deve pur metterlo in conto. Inutile "piangere sul latte versato": se non sapeva badare a se stessa a quell'età ecco che poi si rischia una brutta fine, come di fatto è accaduto. Grazie! Mariele