BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CANNABIS LIBERA/ Marijuana legalizzata, ecco perché non è una droga leggera e fa male

Dietro alla depenalizzazione della cannabis per scopi terapeutici si nasconde in realtà il solito trucco per arrivare alla sua legalizzazione completa. Ne parla IVANO nel suo articolo

Infophoto Infophoto

Il Consiglio dei ministri ha dato l’ok alle misure di depenalizzazione del consumo di cannabis per motivi terapeutici: il consumo passa da illecito penale ad illecito amministrativo. Come abbiamo visto in altri Paesi l’apertura alla cannabis terapeutica sarà probabilmente uno dei vari passaggi che porterà, a suon di statistiche, di sottolineature patetiche e di fiancheggiature mediatiche, alla legalizzazione del consumo di cannabis tout court

In realtà è una strategia politica, tipicamente usata anche dalla propaganda dell’ultimo secolo, per far passare in modo graduale e indolore nell’opinione pubblica determinati contenuti e obiettivi: senza che le persone se ne accorgano, e naturalmente per persuaderle della bontà dei progetti proposti. Un attentato alla libertà, di pensiero e di decisione quindi. Come sopravvivere? Informandosi. 

Ecco qualche idea per riflettere. 1) La cannabis non è una droga “leggera”: la raffinatezza linguistica, ripetuta da anni dai giornali italiani, è ormai superata da tutti i Paesi che hanno seriamente studiato in modo scientifico i gravi effetti della cannabis sul corpo e sul cervello in particolare degli adolescenti, come ha dimostrato lo psicanalista Claudio Risé nel suo Cannabis. Come perdere la testa e a volte la vita. Si sa però che noi italiani arriviamo sempre in ritardo, anche perché anziché affidarci alla ricerca scientifica, ci consegniamo alle trombe di opinionisti e pensatori più o meno affidabili. 2) In Italia, secondo l’ultima Relazione Annuale alParlamento su droga e dipendenze, il consumo di cannabis tra i nostri adolescenti ha evidenziato una progressiva contrazione fino al 2011 cioè fino a quando chi ci governa ha dato una risposta decisa a questo problema con sanzioni, campagne informative contro la cannabis e interventi pianificati con attenzione per la scuola e gli studenti. 

Dal momento in cui questo atteggiamento responsabile è cessato, e ha lasciato il posto a un certo lassismo (si sa, i governi cambiano…), si è osservata una ripresa nel consumo tra i giovani fino a raggiungere i livelli preoccupanti del 2008.  3) Siamo sicuri che i Paesi che hanno legalizzato la marijuana, anche solo per motivi terapeutici, stiano bene? Non direi: in Colorado stanno aumentando sempre di più gli incidenti mortali dovuti alla guida sotto l’effetto di cannabis. E non dimentichiamo che per cannabis terapeutica si può anche rischiare di morire, come è successo in Francia alle sei persone che si sono sottoposte recentemente alla sperimentazione di un antidolorifico a base di cannabinoidi: una di loro è attualmente ricoverata in stato di morte celebrale, le altre sono in gravi condizioni.

Ivano

© Riproduzione Riservata.