BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RAGAZZINA SUICIDA/ Non serve un bullo per rendere "inutile" un giovane

Una lettera alla famiglia e un'altra ai compagni "Adesso sarete contenti". L'ha fatto la 12enne che ha tentato il suicidio ieri a Pordenone. Pare che il bullismo non c'entri. GIANLUCA ZAPPA

Infophoto Infophoto

RAGAZZINA SUICIDA. Una dodicenne di Pordenone si è buttata dal secondo piano della sua abitazione tentando di suicidarsi. Per fortuna la caduta è stata attutita e pare che non versi in gravi condizioni. Prima di lanciarsi nell'aria aveva lasciato due lettere, una per i genitori (chiedendo scusa per il suo gesto) e una agli amici di classe, quest'ultima molto breve, con un solo, laconico "Adesso sarete contenti". La dirigente della scuola media frequentata dalla ragazza è caduta dalle nuvole: ha dichiarato che non c'era stato alcun segnale, non era emerso alcun disagio che potesse giustificare un simile gesto, non si era verificato nessun atto di bullismo.

Insomma, una ragazzina tenta il suicidio (e lo mette in atto in modo premeditato — pare che le lettere fossero state scritte giorni prima) e nessuno, famiglia e scuola, si accorgono che in quella testolina sta maturando una decisione tanto disperata ed estrema.

Ora ci si chiede come mai, dal momento che non si erano verificati atti di bullismo, come se la violenza del bullismo fosse l'unico motivo che può distruggere la speranza di un giovane. In realtà c'è qualcosa d'altro, molto più grave e invisibile, più difficile da scoprire e da monitorare. In quel film capolavoro che è "The Truman Show" c'è una scena molto significativa, che poi è quella in cui il protagonista comincia a rendersi conto che qualcosa non funziona nel mondo in cui vive. Truman fa dei gesti volutamente inconsulti, come prendere a borsate un operaio arrampicato su una scala, o mettersi al centro della via a fermare il traffico, come se fosse un vigile, e deve constatare che nessuno si cura di lui, che i suoi gesti, le sue mattate, la sua stessa figura è come invisibile. C'è, ma non esiste.

Truman fa l'esperienza che Hannah Arendt definiva con il termine "estraneazione", tipica dell'individuo che vive in un regime totalitario, una "fra le più radicali e disperate esperienze umane", che si esplica nel sentirsi superfluo. Scrivere su un biglietto "Ora sarete contenti" ai propri amici, significa in pratica dire: "Tolgo il disturbo, non dovrete più sopportare la mia presenza, non dovrete più darvi la pena di fingere nei miei confronti un interesse che non avete. Mi avete trattata da superflua e io mi faccio fuori da sola. Così sarete contenti, come per un fardello che non dovrete più portare". E per provare queste sensazioni, per fare l'esperienza dell'estraneazione, non c'è necessariamente bisogno di essere sottoposti ad un atto specifico di bullismo: basta entrare ogni giorno in classe.

Che un tentato suicidio arrivi come un fulmine a ciel sereno è grave. Vuol dire che la scuola (tutta la scuola, non solo quella di Pordenone, ovviamente) non è abbastanza attenta a leggere le situazioni, non è abbastanza vigile, non riesce a penetrare in certe dinamiche che si verificano tra i giovani, specie quelle quotidiane, quelle meno eclatanti, ma costanti come una goccia d'acqua che scava lentamente.