BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MARCO VANNINI / Giallo di Ladispoli: video, le intercettazioni e la telefonata al 118. Il pianto disperato di Martina Ciontoli (26 gennaio)

Marco Vannini: il giallo di Ladispoli si arricchisce di nuovi dettagli inquietanti. Mattino 5 ha proposto l'audio di una telefonata al 118 fatta dal fratello di Martina Ciontoli il 17 marzo

Immagini di repertorio (Fonte Infophoto) Immagini di repertorio (Fonte Infophoto)

MARCO VANNINI, VIDEO: GIALLO DI LADISPOLI, LE INTERCETTAZIONI E LA TELEFONATA AL 118. IL PIANTO DISPERATO DI MARTINA CIONTOLI (26 GENNAIO 2016) - Non diminuisce l'attenzione dei media per la vicenda che ha visto come sfortunato protagonista Marco Vannini, il 20enne di Ladispoli morto lo scorso 17 marzo in seguito ad uno shock emorragico. Nel corso della puntata odierna di "Mattino Cinque" è stato proposto il video che ritrae Martina Ciontoli (fidanzata di Marco), il fratello Federico e la fidanzata Viola all'interno del commissariato, a poche ore dalla morte del Vannini. Nella sala d'attesa del commissariato è Martina a rendersi protagonista di un pianto disperato: la giovane sottolinea la sua incredulità rispetto al fatto che il fidanzato possa essere morto e poi rivela:"Lui mi ha detto: se muoio tu non stare più con nessuno". Il fratello e la cognata di Martina capiscono il tono dell'affermazione di Marco e cercano di consolare la ragazza sostenendo che la vittima per lei vorrebbe soltanto una persona che la faccia sentire protetta. La conduttrice di Mattino Cinque, Federica Panicucci, ha poi lanciato un altro contributo, questa volta audio, in cui è possibile ascoltare la prima telefonata fatta al 118 dalla famiglia Ciontoli. A comporre il numero in questo caso è Federico; il ragazzo parla con l'operatore del Pronto Soccorso descrivendo la situazione in questi termini:"C'è un ragazzo che si è sentito male. Di botto è diventato troppo bianco. Non respira più". Dall'altra parte l'operatore del 118 lo richiama:"Respira male si dice", e Federico corregge il tiro:"Respira male sì". Quando gli viene chiesto il perché del malessere, Federico risponde:"Probabilmente uno scherzo. Si è spaventato tantissimo e non respira più". Chi riceve la telefonata del Ciontoli non è convinto dell'accaduto, chiede di parlare con il padre del ragazzo, che a questo punto passa la cornetta alla mamma. La donna, dopo un paio di esitazioni cambia versione, dicendo che probabilmente non c'è più bisogno dell'intervento dell'ambulanza e che la situazione sta tornando alla normalità. Quattro ore più tardi Marco Vannini verrà dichairato morto. Clicca qui per il video con le intercettazioni della famiglia Ciontoli proposte oggi da Mattino Cinque.

© Riproduzione Riservata.