BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIRUS ZIKA/ News, allarme contagio: non esiste vaccino, l'ipotesi microcefalia non è confermata (ultime notizie oggi, 29 gennaio 2016)

Pubblicazione:venerdì 29 gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 29 gennaio 2016, 15.30

Immagini di repertorio (Infophoto) Immagini di repertorio (Infophoto)

VIRUS ZIKA NEWS, L'OMS LANCIA L'ALLARME CONTAGI (OGGI, 29 GENNAIO 2016) - Ma cosa è esattamente il virus Zika? Fa parte della stessa famiglia di virus di cui fanno parte la febbre gialla e il dengue, a trasmetterlo uno speciale tipo di zanzara, quello dell'Aedes, molto diffusa. Non è un virus mortale, provoca febbre e sfoghi cutanei e spesso chi ne viene colpito non si ammala neanche. Il collegamento con le donne incinte le quali, colpite dal virus, metterebbero al mondo bambini colpiti da microcefalia è stato fatto recentemente, dopo che in Brasile si è registrato un numero altissimo di casi di persone infettate, circa un milione e mezzo. E' aumentato anche il numero di casi di microcefalia: da poche centinaia si è passati improvvisamente a circa 3500 casi segnalati. Da qui il collegamento anche se una prova certa non esiste come non esiste un vaccino specifico. Il virus si cura come si cura una semplice febbre da influenza e mai in precedenza si è registrato un caso di morte. 

VIRUS ZIKA NEWS, L'OMS LANCIA L'ALLARME CONTAGI (OGGI, 29 GENNAIO 2016) - La preoccupazione per il virus Zika è talmente alta che si comincia a pensare all'annullamento delle prossime Olimpiadi di Rio in Brasile. E' proprio in Sud America infatti che la pericolosa zanzara diffonde il virus che causa la nascita di bambini deformi. Paesi come l'Australia e la Russia hanno già invitato le donne delle proprie squadre olimpiche a pensare seriamente se sia il caso  o no di prendere parte ai giochi, che saranno inaugurati fra solo sei mesi. Stesso avvertimento è stato dato agli spettatori di sesso femminile, specificando che sarebbe meglio non si recassero in Brasile. Nel solo Brasile sono almeno 4mila i casi di bambini nati deformi a causa del virus. 

VIRUS ZIKA NEWS, L'OMS LANCIA L'ALLARME CONTAGI (OGGI, 29 GENNAIO 2016) - Tre cittadini canadesi risultano affetti dal virus Zika, mentre anche a New York si registrano tre nuovi casi, tra cui una donna incinta. Come si sa il virus non è mortale ma per le donne incinte comporta il rischio di mettere alla luce figli con problemi gravi al cervello. A New York adesso sono sette le persone colpite dal virus. I cittadini canadesi erano tutti tornati da un viaggio nel centro America. La pericolosa zanzara che provoca il virus vive infatti nei paesi latini del continente americano. L'Organizzazione generale della sanità ha annunciato ieri che il virus sta espandendo in modo esplosivo e calcola in almeno quattro milioni le persone che ne verranno colpite.

VIRUS ZIKA NEWS, L'OMS LANCIA L'ALLARME CONTAGI (OGGI, 29 GENNAIO 2016) - Si riunirà lunedì prossimo il team dell'Organizzazione mondiale della sanità che sta monitorando in queste ore il virus Zika. Il virus è trasmesso dalla zanzara del genere Aedes e ha già causato un'epidemia in Brasile: particolarmente a rischio le donne in gravidanza perché potrebbero partorire bambini con gravi problemi di microcefalia, una condizione in cui il cranio è di dimensioni inferiori alla norma creando conseguenti problemi allo sviluppo del cervello. L'Oms ha già lanciato l'allarme: potrebbero arrivare fino a quattro milioni le persone contagiate dal virus. Zika è stato rilevato in Uganda nel 1947 e negli ultimi mesi, in Brasile, ha già provocato un'epidemia: la maggior parte dei casi provocano sintomi che è difficile per verificare, ma i funzionari dell'Organizzazione ha affermato che sono state infettate nel paese tra 500.000 e 1,5 milioni di persone. In Italia per il momento sono stati registrati solo 4 casi ma il rischio di espansione del virus non è da sottovalutare, viste anche le ultime dichiarazioni di Margaret Chan, direttore generale dell'Oms, che ha sottolineato come il virus si sia sviluppato "da una minaccia lieve a una dalle proporzioni allarmanti".



© Riproduzione Riservata.