BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SAN GIOVANNI BOSCO/ Alex Schwazer, perché il santo e l'atleta sono così "vicini"?

Pubblicazione:domenica 31 gennaio 2016

Alex Schwazer (Infophoto) Alex Schwazer (Infophoto)

A chi nasce fuoriclasse occorre saperci parlare: "Non è sufficiente amare i giovani, occorre soprattutto che i giovani si sentano amati", scriveva don Bosco. Spingendosi un passo oltre: "Ognuno si faccia amare per educare i giovani". Quella di Sandro Donati e Alex Schwazer è un bell'omaggio al santo che più di tutti seppe scorgere la farfalla nel bruco, la perla nell'ostrica, la medaglia nella disfatta. Di più: seppero adocchiare l'uomo dentro la disfatta. Dai tempi di Valdocco, la Betlemme di don Bosco, è trascorso oltre un secolo. Il segreto della santità, della vittoria è identico: mettere l'uomo nelle condizioni di poter fallire senza soccombere definitivamente. Di cadere per alzarsi, senza perire.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.