BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FEMEN vs MADRE TERESA/ Ma il suo amore folle per la vita piacerebbe anche a Inna Shevchenko

Le Femen hanno iniziato una campagna su twitter contro la canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta: faceva finta di aitare i poveri e vietava la contraccezione. MAURO LEONARDI

Madre Teresa di Calcutta (Foto Evert Odekerken da Wikipedia)Madre Teresa di Calcutta (Foto Evert Odekerken da Wikipedia)

Le Femen, le manifestanti a seno nudo ucraine ma non solo, le manifestanti contro tutto e contro tutti quelli che non rispettano le donne, hanno iniziato una campagna su twitter contro la canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta.

La sua leader, Inna Shevchenko, definisce Madre Teresa "una donna che faceva finta di aiutare i poveri e le donne in particolare quando poi vietava l'uso della contraccezione: le metteva in pericolo e quindi non si merita il titolo di santa". E poi se la prende con Papa Francesco e con la sua dichiarazione di guerra alle donne.

Naturalmente Madre Teresa non può replicare: con la sua vita sì, ma non con le parole. Mi piace però immaginare questo incontro-scontro postumo tra Madre Teresa di Calcutta e Inna Shevchenko come a un rapporto tra donne. Il rapporto tra donne è spesso complesso, a volte difficile, in alcuni casi drammatico ma sempre ricco e portatore di ricchezza, spesso più di ogni altro rapporto umano. Cosa possono dirsi una donna del 1910 e una del 1990? Io penso molto. Tra nonna e nipote c'è una distanza anagrafica, culturale, sociale, spesso abissale però nonna e nipote possono essere una la saggezza che manca all'altra, l'altra la speranza e la forza che manca alla prima.

Mi piace immaginare, dicevo, perché Madre Teresa ci ha lasciati nel 2007; però ci rimane di lei quello che la rendeva ricca, ricchissima: un amore folle per la vita, per ogni vita. Credo che Madre Teresa non avrebbe giudicato quanto detto dalle Femen, per non perdere tempo e averne per amarle. Avrebbe pensato di poter fare con loro grandi cose proprio per la loro forza, visto che le attiviste di Femen nel mondo sono per lo più ventenni. Le avrebbe incontrate se avessero voluto e si sarebbe preoccupata che si congedassero da lei più felici: non più convinte di qualcosa, non anti-abortiste, non con una vocazione religiosa, ma solo più felici.

Non c'è felicità se non nel bene. Chi è felice, al bene ci arriva da solo, ne sono convinto. Lei amava tutti e aspettava tutti. Nella sua biografia c'è scritto che ebbe un periodo di buio nell'anima lungo quarant'anni, cioè l'età di due Femen. Tanto, tantissimo. Sono sicuro che le avrebbe capite, se non altro perché lei amava alla cieca, con il cuore sempre aperto. Come lo erano le sue case, aperte per tutti e sempre. Le Femen sarebbero entrate come tutti e, come tutti, avrebbero trovato qualcosa da mangiare, da scaldarsi, da bere, da riposare.

E le Femen cosa farebbero? Io credo che protestino ma, in verità, non penso sappiano cos'è la santità. Perché se si dessero il tempo e la voglia di scoprirlo, a loro — a Inna Shevchenko — la santità piacerebbe. Perché i santi sono, per definizione, dei grandi contestatori. 


COMMENTI
04/01/2016 - Chi finanzia le Femen? (LILIANA TENTI)

Si sa da tempo che le Femen sono finanziate da Soros uno speculatore spietato, responsabile in passato del crollo della Lira e che oggi millanta atteggiamenti pseudo-filantropici (finanziamento a primavere arabe e a Open Migration) che puzzano tanto di massoneria. Dove può attaccare il cristianesimo infatti non si tira mai indietro. Con il femminismo delle origini, che partiva dalle donne, queste signore hanno poco a che fare.