BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Dieta mima digiuno / Il kit per perdere peso: la ''ricetta'' del Dottor Valter Longo nella trend topic di Twitter (oggi, 12 ottobre 2016)

Dieta mima digiuno, il kit non è in vendita in Italia: dubbi dei nutrizionisti sul regime alimentare dopo il servizio de Le iene. Ultime notizie oggi, 12 ottobre 2016

Immagini di repertorio Immagini di repertorio

Si parla molto nelle ultime ore della dieta mima digiuno, dopo che per due volte un servizio realizzato da Nadia Toffa è stato trasmesso a Le Iene Show prima nella puntata di domenica e poi anche in quella di ieri. Questa ''ricetta'' studiata dal Dottor Valter Longo ha portato a numerosi commenti anche su Twitter tanto che nelle ultime ventiquattro ore l'hashtag è entrato direttamente nella trend topic al secondo posto. In testa troviamo Russia, mentre dietro alla dieta mima digiuno invece vediamo Cafè Society e Scoperta America. Sicuramente è un dato molto interessante che ci fa capire come un mezzo come Twitter sia veicolo dell'interesse del pubblico che sembra essere rimasta molto colpita da questo servizio andato in onda nel programma di Italia 1. Certo è che però bisognerà fare attenzione e consultare sempre prima un medico per decidere poi di andare a fare una dieta come questa che porta il fisico a uno stress particolare come evidenziato dallo stesso Dottor Valter Longo.

Continua a far discutere la dieta mima digiuno che è stata al centro di un servizio de Le Iene di domenica scorsa. La dieta è stata messa a punto dal ricercatore Valter Longo e promette non solo di far perdere peso ma anche di ritardare l'insorgenza di malattie. Ma dopo la messa in onda del servizio in cui la iena Nadia Toffa ha provato personalmente la dieta mima digiuno i nutrizionisti sollevano dubbi su questo regime alimentare. Nel servizio de Le Iene Valter Longo afferma che Nadia Toffa ha perso 2 kg di grasso viscerale in 5 giorni. Secondo Enzo Spisni, nutrizionista docente di Fisiologia della nutrizione all’Università di Bologna, come riporta ilfattoalimentare.it, non può trattarsi di 2 kg di grasso ma in gran parte di perdita di acqua, come avviene nei primi giorni per tutte le diete ipocaloriche. La dieta mima digiuno si basa su un regime alimentare da praticare per cinque giorni consecutivi al massimo una volta al mese. Esiste, riporta sempre la testata, un kit denominato ProLon venduto dalla società L-Nutra, che in Italia non è ancora in commercio ma si può acquistare sul sito della società americana. Il kit della dieta mima digiuno è composto da cinque pacchetti di alimenti da mangiare in cinque giorni: un paio di bustine di tè, due confezioni di olive, frutta secca, minestroni liofilizzati con quinoa e crackers.

Da giorni, dopo il servizio de Le Iene, è scoppiata la dieta mima-digiuno mania: il kit per perdere peso in maniera “rivoluzionaria” a cui è stata sottoposta Nadia Toffa non convince appieno ma non è certo ora che la comunità scientifica scopre la nuova dieta del Dottor Valter Longo. Al momento il kit non è vendibile in Italia ma nel servizio lo scienziato italiano che ha lanciato il progetto assieme ad uno studio americano dell’Istituto di oncologia molecolare afferma come stia per arrivare anche nel nostro Paese la dieta mima digiuno così sparlata e ricercata anche nelle ultime settimane. Dieta che si avvicina al digiuno ma che non lo è: bufala o tratti di verità? a differenza di altri metodi stravaganti come Stamina o simili che non si ispirano a teorie scientifiche, quello del dottor Longo pare avere una base collida nella medicina molecolare e si appresta a diventare una dieta da essere studiata anche nei prossimi mesi per stabilirne eventuali proprietà benefiche o solo presunte tali. Il prezzo indicativo in America della dieta è di 150 dollari, anche se la procedura è ancora complessa visto che il sito online richiede i riferimenti del medico curante e altri dati approfonditi. Mesi fa su Repubblica era stato anche riportato come il progetto della dieta mima digiuno era stato testato per mesi su un gruppo di pazienti: «E' emerso che 3 cicli di una dieta mima-digiuno somministrata ogni mese mesi hanno ridotto i fattori di rischio e i biomarcatori di invecchiamento, diabete, malattie cardiovascolari e cancro, "senza grossi effetti collaterali avversi". Nelle 'cavie umane' la Dmd ha ridotto l'apporto calorico del 34-54%», riportano i colleghi di Repubblica Salute. Restano ancora tanti dubbi sollevati dai nutrizionisti che non possono dare il pieno certificato di dieta senza possibili danni alla salute, ma nemmeno il contrario, va ammesso…

© Riproduzione Riservata.