BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATTEO CAGNONI / News, Giulia Ballestri: il dermatologo resta in carcere, arriva la conferma del Riesame (Oggi, 16 ottobre 2016)

Pubblicazione:

Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni  Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni

MATTEO CAGNONI NEWS, GIULIA BALLESTRI: IL DERMATOLOGO RESTA IN CARCERE, LA DECISIONE PRESA DAL RIESAME (ULTIME NOTIZIE OGGI, 16 OTTOBRE 2016) - Sebbene continui a definirsi innocente rispetto alle gravissime accuse che gli sono state mosse, Matteo Cagnoni, noto dermatologo dei vip e marito di Giulia Ballestri, uccisa a colpi di bastonate, dovrà restare in carcere. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame, come riporta il sito RavennaToday.it, dopo essersi riservato l'adeguato tempo prima di rendere note le motivazioni. Secondo i giudici, gli elementi finora raccolti dagli inquirenti contro Matteo Cagnoni sarebbero sufficienti a ritenerlo colpevole dell'omicidio e dell'occultamento di cadavere della moglie Giulia Ballestri, rinvenuta in una villa abbandonata di Ravenna lo scorso 18 settembre. Per il Riesame, a rendere compromessa del tutto la posizione del dermatologo sarebbe stata la prova regina rappresentata dalle impronte trovate sul sangue della vittima. All'interno dell'ordinanza dei giudici, inoltre, gli stessi sottolineano maggiori dettagli in merito alla possibile arma del delitto impiegata da Matteo Cagnoni per uccidere la donna 39enne e madre dei suoi tre figli, dalla quale si stava separando dopo aver appreso della sua nuova relazione con un altro uomo. Si tratterebbe di un bastone, con il quale Giulia Ballestri sarebbe stata colpita almeno una dozzina di volte e che potrebbe rinvenire proprio dalla stessa villa di Marina Romea, ora sotto sequestro. Potrebbe essere nello specifico legno di pino estratto dai rami degli alberi della casa al mare. Nel confermare la permanenza in carcere a carico di Matteo Cagnoni, inoltre, i giudici del Riesame hanno sottolineato anche il rischio di inquinamento delle prove e di fuga, elementi fondamentali che hanno portato a respingere anche la richiesta dei domiciliari con braccialetto elettronico avanzata dalla difesa del dermatologo.



© Riproduzione Riservata.